Quale destino per Gheddafi?

«Le operazioni militari si concluderanno quando la popolazione civile sarà al sicuro dalla minaccia di attacchi e quando gli obiettivi della risoluzione 1973 saranno raggiunti» è scritto in un documento in più punti i capi di Stato e di governo riuniti a Bruxelles. La frase lascia aperta ogni possibilità ed evenienza sul prosieguo della operazione libica. Le riflessioni sulle implicazioni di un pronunciamento del genere, che ha tutti i crismi dell’ufficialità, lasciano credere che l’operazione prevede l’annientamento o almeno la condizione di non nuocere per Gheddafi. Sarebbe, infatti impossibile garantire la parte orientale della Libia dalla minaccia di attacchi per la popolazione civile con Gheddafi ancora in Libia. Se questo è vero si aprono tre possibilità per il rais: la soppressione fisica, in battaglia o successiva (come in Iraq), la cattura e il rinvio a giudizio al tribunale de L’Aja ed infine l’esilio. Non pare deciso verso quale decisione intende dirigersi l’alleanza, che comunque dovrà tenere conto anche della decisione dei ribelli, e senz’altro il tema è fonte di discussione nelle cancellerie. Il destino di Gheddafi è legato non solo al successo delle operazioni militari, anche la diplomazia dietro le quinte sta operando per andare in un senso o nell’altro. Si tratterà di vedere e valutare anche cosa Gheddafi potrà tirare fuori dai cassetti della sua scrivania. La presenza di dossier segreti, in mano al colonnello, è un’ipotesi non tanto peregrina: non si passano quaranta anni al potere senza accumulare documenti riservati su capi di stato con cui si intrattengono rapporti, talvolta anche stretti. Se la presenza di questi dossier fosse reale potrebbe essere l’arma finale che consentirebbe a Gheddafi di contrattare una uscita di scena onorevole e sopratutto conveniente per se stesso. La messa in salvo di Gheddafi potrebbe anche essere vista in chiave di pacificazione nazionale e sarebbe un elemento per evitare un dopoguerra da regolamento di conti, clima essenziale per fare ripartire il nuovo stato libico.

Le tre strategie del caso Libia e la mancanza della diplomazia UE

Francia, Germania ed Italia: tre paesi fondamentali della UE e componenti della NATO, con tre strategie diverse circa la Libia. Ruota intorno a questi tre paesi la possibilità con cui mettere fine alle ostilità militari e trovare una via di uscita. La Francia ha optato subito per un attacco militare, sfruttando le indecisioni americane e della UE, per cercare di allargare la propria influenza sulla sponda sud del Mediterraneo; probabilmente si aspettava una evoluzione rapida del conflitto da portare sulla bilancia del prestigio. Invece ha ottenuto di spaccare una alleanza nell’alleanza, quella con la Germania, e di risultare invisa in seno alla UE. Per quanto riguarda gli USA, Obama ha cercato da subito di riportare la NATO al centro delle operazioni, sconfessando, così, Sarkozy. La mossa di Parigi alla fine si è rivelata un azzardo, che alla fine costerà molto in termini di politica estera. La Germania, superata dagli eventi, ha dimostrato una scarsa propensione per l’intervento militare, arrivando a togliere dal Mediterraneo le poche forze armate presenti. Il problema del comando unico assente, è stato quello che maggiormente ha infastidito Berlino, il dirigismo francese non è stato digerito ed alla fine la Merkel ha elaborato una strategia che punta a fiaccare il regime con pesanti sanzioni economiche ed isolandolo dal consesso internazionale. A gioco lungo potrebbe questa decisone potrebbe sortire effetti letali sul regime di Tripoli, ma è una strategia che si basa sull’accettazione universale della stessa, appare difficile che non ci sia una qualche forma di contrabbando dell’oro nero tale da aggirare l’embargo. Tuttavia, in chiave diplomatica la decisione pare destinata a dare dei frutti nell’ambito della discussione e può porre la Germania a capo di una cordata di nazioni, che anzichè optare per l’uso della forza, punta a risolvere la situazione con mezzi pacifici. Il progetto, pur meno appariscente, pare destinato ad avere maggiore rilevanza sul piano internazionale perchè basato su un maggiore interscambio tra gli stati. L’Italia, infine, pur restando nell’ambito degli steccati della UE e della NATO, cui non ha negato l’appoggio, anche materiale, tramite l’uso delle basi militari, sta sviluppando una terza soluzione che prevede un maggiore uso della diplomazia sotterranea, anche in funzione degli accordi sviluppati con il regime libico durante tutta la sua storia. I frequenti contatti hanno sviluppato una rete di contatti che solo Roma può vantare, ciò determina la scelta di puntare in questo senso. L’Italia cerca di arrivare ad una exit strategy onorevole per Gheddafi, in modo di evitargli il coinvolgimento in un processo presso la Corte Internazionale dell’Aja ed un esilio onorevole. E’ la via che assicurerebbe una veloce fine del conflitto senza troppi danni da ambo le parti, anche se le conseguenze successive sono tutte da valutare. Sul piano della politica internazionale, Roma si muove in sintonia sia con la UE che con la NATO, e ciò la mette al riparo da contrasti palesi; l’azione che porta avanti, pur essendo una azione di propria iniziativa, viene portata avanti senza ne interferire ne stravolgere la politica UE e NATO e senza, sopratutto avere intenti travalicatori. L’analisi delle tre strategie pone in primo piano la mancanza di una politica estera comunitaria e l’incapacità di frenare gli eventuali slanci in avanti di quegli stati, in questo caso la Francia, che sfuggono alla collegialità. Senza strumenti adeguati previsti dalla UE, non si inizia neppure a costruire una diplomazia europea, condizione essenziale, am non sufficiente, per pesare, come Europa, nell’agone internazionale.

Rivolte arabe ed infiltrazione terroristica:

Esiste un concreto pericolo di infiltrazione terroristica nelle rivolte arabe? La domanda circola da tempo nelle cancellerie dei governi occidentali e l’apprensione è ancor più salita dopo l’escalation della guerra libica. Secondo informazioni di intelligence uomini di Al Qaeda potrebbero essere tra le fila dei ribelli di Gheddafi, infiltrati per cercare di guadagnare posizioni alla causa terroristica nella parte est del paese. La formazione dei ribelli appare un insieme eterogeneo, dove si mescola l’elemento tribale e l’opposizione politica; il momento di caos è ottimale per favorire l’infiltrazione di soggetti alieni alla protesta, che tentano di portare il verbo qaeddista in Libia. Occorre ricordare che Gheddafi ha tenuto lontano gli estremisti islamici dalla Libia, sopratutto per non pregiudicare il funzionamento della propria macchina statale, dove ogni forma di opposizione poteva nuocere alla macchina del rais. Tuttavia la vicinanza con l’Algeria, dove sono presenti base qaeddiste, potrebbe avere favorito l’infiltrazione di elementi di Al Qaeda, anche grazie al caos venutosi a creare nei primi momenti dell’inizio delle ostilità. Se questo fosse vero, sarebbe una ragione in più per seguire da vicino l’evoluzione di quello che potrebbe diventare il nuovo stato libico. Uno dei meriti di Gheddafi era stato, appunto, tenere lontano dalla Libia il movimento di Al Qaeda, se si aprisse questo nuovo fronte per l’Europa, sarebbe un pericolo in più da non sottovalutare.
Uno dei paesi più preoccupati è l’Italia, meta verso cui si muovono molti profughi provenienti dalla sponda sud del Mediterraneo. Esiste un concreto pericolo che tra i tanti sventurati che cercano una sorte migliore, vi siano dei terroristi che possano approfittare del momento di confusione per entrare nell’area UE, inoltre in caso di sconfitta di Gheddafi, molti pretoriani fedeli al regime potrebbero passare il mare diretti a Lampedusa. E’ questo, del terrorismo, un aspetto di difficile gestione all’interno della complessa vicenda libica: con l’Europa che, verosimilmente, si troverà a gestire direttamente una problematica molto delicata, in un momento in cui l’argomento religioso nel vecchio continente è uno degli argomenti centrali del processo di integrazione. La questione non è secondaria perchè può fornire argomenti a tutti quelli che in questi anni hanno costruito la loro fortuna politica sulla lotta allo straniero ed al diverso. Agitare lo spettro terroristico potrebbe avere facile presa di un’opinione pubblica spaventata. Il problema non va comunque sottovalutato, sia per le sue implicazioni, che per il reale pericolo, a cui ci si augura badino anche strutture sovranazionali.

La Germania fuori dall’operazione libica

La NATO sembra, alla fine, prendere il comando della missione libica, tuttavia l’estenuante trattativa lascia una vittima illustre: la Germania della Merkel si chiama fuori dall’operazione e richiama le sue forze armate presenti nel Mediterraneo. E’ una spaccatura non da poco in seno all’alleanza atlantica, all’Unione Europea e che incrina, se non del tutto, in modo molto grave l’asse portante europeo che correva tra Parigi e Berlino. La virata da primadonna di Sarkozy ha sconvolto equilibri che sembravano ormai assestati e che avranno contraccolpi non da poco sull’assetto degli equilibri interni della UE. Con l’andare avanti degli eventi si capirà meglio se diventerà più delineata la tattica del presidente francese, che con un azzardo ha spazzato via un rapporto che pareva durevole e comunque faticosamente costruito. La fuga in avanti della Francia, rischia di lasciare Parigi isolata negli sviluppi futuri della politica estera. Intanto, grazie ad Obama, Sarkozy ha dovuto retrocedere sul comando militare ed operativo dell’operazione, con la NATO, anzichè la cabina di regia dei ministri degli esteri, che assume la direzione delle operazioni. Su questo fronte è da segnalare la partecipazione della Turchia al blocco navale con quattro imbarcazioni, mentre continuano gli incontri tra ONU, NATO, Lega Araba ed Unione Africana per dare il massimo risalto alla collegialità dell’intervento, per non urtare alcuna suscettibilità, specialmente quella dei popoli arabi.

Elezioni comunali in Arabia Saudita

L’Arabia Saudita cerca di fermare le proteste con lo strumento della legalità. Sono state, infatti indette le elezioni municipali, unica consultazione elettorale prevista nel paese, peraltro rinviata fin dal 2009. Il 23 aprile è la data fissata ed il ministro dell’interno ha ordinato la creazione della commissione elettorale. Si tratta del ritorno dell’unica manifestazione democratica ammessa, ma di fatto abrogata con il prolungamento di due anni del mandato dei consigli fissato nel 2009. L’istituzione è recente nella storia del paese in quanto le prime elezioni sono state celebrate nel 2005. La consultazione elettorale non elegge il 100% dei componenti dei consigli municipali, ma soltanto la metà, in quanto la metà restante è di nomina reale. Con l’indizione delle elezioni ed il pacchetto di misure sociali varate dalla casa reale, che ammontano a 70.000 milioni di dollari, si cerca di ridare stabilità al paese e riportare l’ordine nel paese. L’Arabia Saudita è il più grande esportatore mondiale di greggio e la sua stabilità interna è considerata essenziale dai paesi industrializzati; un blocco o una riduzione della produzione di petrolio potrebbe bloccare più di una economia.

Il Consiglio nazionale libico ha nominato il suo leader

Il leader del Consiglio Nazionale Libico è stato nominato: si tratta di Mahmoud Jabril, nuovo capo del governo, che è stato incaricato di nominare i nuovi ministri. Il nuovo capo del governo provvisorio è un riformista, che non intende dividere lo stato libico, ma mantenere lo stato senza il dittatore. Mahmoud Jibril pare abbia già incontrato il presidente francese Sarkozy, che lo ha trattato da legittimo rappresentante del popolo libico. Jibril ha dichiarato che il Consiglio Nazionale provvisorio è un organo legislativo, ma la nuova Libia necessita anche di un esecutivo per controllare la situazione ed amministrare la parte liberata. Infatti il nuovo presidente ha come obiettivo di liberare la parte libica ancora occupata dalle truppe del rais. L’intendimento lascia così cadere le ipotesi a riguardo delle creazione di due stati, basati sulla divisione tribale, quello che si intende portare avanti è un progetto che mantenga integra la Libia con tutto il suo territorio e tutte le sue ricchezze. Sarà interessante vedere come sarà impostata la politica estera del nuovo esecutivo, anche se l’interlocutore privilegiato pare essere la Francia, che tanto si è spesa per la causa dei ribelli. Per quanto riguarda l’Italia, la tattica che si cerca di portare avanti è quella diplomatica, preferita a quella militare. Roma gioca su due campi diversi, ma gli agganci del governo italiano con il vecchio regime sono sicuramente superiori. Quello a cui punta l’Italia è una soluzione diplomatica che consenta un cessate il fuoco ed una exit strategy onorevole per Gheddafi, senza mandato di cattura internazionale ed un esilio soddisfacente. Se ci fosse un successo da questo lato la strategia francese potrebbe essere incrinata da una fine della guerra meno cruenta e l’influenza sul paese riverrebbe messa del tutto in discussione.

Energia atomica: un nuovo approccio per evitare i disastri

La recente catastrofe nucleare Giapponese impone una riflessione a livello mondiale non solo sull’impiego dell’energia atomica, ma sopratutto sull’impatto ambientale ed economico che genera. E’ doveroso ridiscutere tutte le norme che regolano l’utilizzazione e gli standard di sicurezza a livello mondiale, ed è necessario che questi siano condiviso a livello universale. Non occorre essere antinuclearisti per chiedere maggiori tutele, le radiazioni viaggiano con gli elementi naturali ed anche stati senza centrali nucleari possono essere raggiunti da inquinamento atomico fuoriuscito. E’ un problema che investe la diplomazia perchè va a toccare la sovranità stessa degli stati, ma questo concetto deve essere superato dal diritto internazionale stesso stravolgendo i principi fondativi della materia. E’ una discussione che va affrontata prima possibile, anche essendo cinici, il solo costo economico, senza considerare quello umano, che un incidente come quello giapponese, o come quello di Chernobil, oltre ad essere enorme, si protrae nel tempo, generando costi aggiuntivi. Chi non mantiene standard di sicurezza adeguati deve essere sanzionato, fino alla chiusura della centrale. L’Agenzia per l’energia atomica deve essere dotata di strumenti ispettivi e sanzionatori che consentano una adeguata prevenzione dei guasti letali, non solo, deve intervenire anche in fase di progetto, per evitare scostamenti dagli standard di sicurezza. Si tratterebbe di un approccio rivoluzionario, tuttavia, il calcolo costi-benefici sarebbe a vantaggio di tutti: sia degli stati che optano per questa forma di energia, sia degli stati che non la vogliono. Una piccola rinuncia per il bene comune.

I nervi poco saldi di Israele

Il bombardamento israeliano sulla striscia di Gaza ha provocato almeno tre morti, di cui due giovani ragazzi palestinesi, la ritorsione è avvenuta dopo il lancio di alcuni razzi che non hanno fatto vittime, ne danni. Tel Aviv dimostra di avere nervi tutt’altro che saldi, in un momento molto delicato della storia araba. Israele non riesce ad uscire dalla propria visuale ristretta, al piccolo orticello di fronte la porta di casa. Certamente questo episodio verrà derubricato nell’ennesima rappresaglia e finirà nel dimenticatoio della cronaca attuale, affogato in vicende ora più importanti. Eppure è l’ennesimo segnale di una miopia preoccupante, che, con il cambio della situazione geopolitica in atto, potrebbe a portare sviluppi inquietanti. Il processo di pacificazione e di stabilizzazione dei paesi arabi sarà, presumibilmente, lungo e difficile, tuttavia dovrà giungere ad un punto in cui gli stati dovranno trovare un loro assetto, ancorchè normalizzato, in quel momento per Israele potrebbero cambiare molte cose: potrebbe non godere più dell’appoggio politico egiziano, potrebbe trovare paesi vicini come lo Yemen, dove la maggioranza scita potrebbe avere acquisito maggiore importanza. Insomma, un assetto politico della regione totalmente cambiato e non precisamente favorevole. Cambierebbe la vita stessa di tutto il popolo israeliano, destinato ad una vita di trincea permanente. L’unica via di uscita per una pace stabile per Tel Aviv è mantenere un profilo più basso possibile e ricercare ostinatamente ed il più velocemente possibile la pace con i palestinesi e sforzarsi al massimo affinchè lo stato palestinese veda la luce al più presto. Rispondere alle provocazioni con morti inutili non va certo in quella direzione.

Dove va l’Occidente?

Cosa conviene e dove va l’Occidente in questo momento storico? Le domande non sono retoriche, occorre interrogarsi sulle reali esigenze e possibilità che il cosidetto mondo ricco ha verso il futuro. Le rivolte arabe sono un buon banco di prova, che danno il polso della situazione, e non forniscono esempi incoraggianti. I nuovi assetti del mondo non permettono i vecchi atteggiamenti di finta disponibilità, ma richiedono una assunzione di responsabilità costante e partecipata. Si tratta di vedere il mondo non più a due, tre o quattro velocità, ma con un movimento sincrono che contempli tutte le variabili. Non sono parole vuote, la necessità di una visione che si omogeneizzi al resto del mondo pone l’Occidente in ritardo rispetto al resto del mondo. Non sono gli altri che si devono portare al nostro livello, siamo noi a doverci adeguare. La nuova redistribuzione delle ricchezze, la nuova circolazione delle idee e delle informazioni, sempre più in tempo reale, impone un atteggiamento diverso prima di tutto verso noi stessi. Non è più ammissibile ragionare sulla base esclusiva della singola territorialità e del piccolo interesse, il mondo tende sempre di più verso una comunità universale. E’ vero che ci sono ancora grossi privilegi, ma se si pensa a soli vent’anni addietro, l’asticella si è di molto abbassata. Il terremoto imposto dall’affermazione dell’economia cinese, ha ribaltato situazioni, rispetto alle nazioni, ferme da secoli, e nel mentre si sono verificati fatti nuovi e decisivi come l’affrancamento delle nazioni africane. La necessità di democrazia è cresciuta perchè è cresciuta la consapevolezza dei popoli; il compito dei paesi con democrazia matura deve dare l’impulso ai popoli in cammino, ma non deve essere un neocolonialismo mascherato, con altre finalità. E’ anche interesse dell’occidente che il livello di ricchezza cresca di pari passo con il livello di democrazia, infatti, in questa ottica la Cina rappresenta un pericolo, perchè i diritti fondamentali non sono tutelati. Conviene di più avere a che fare con democrazie rispetto a dittature, anche perchè il mercato globale deve avere regole, almeno, minime uguali. In questo momento la bilancia è ancora a favore dell’occidente, ma devono essere pensate strategie che pareggino le braccia, in maniera sufficientemente armonizzata. Soltanto l’incontro tra le comunità e gli stati ed il confronto continuo per migliorare l’approccio globale del movimento comune possono dare risultati. Con un riequlibrio di risorse, non solo materiali ma anche di idee l’occidente si può riappacificare con il mondo, abbracciando anche nuove filosofie con cui rapportarsi all’economia, attuare strategie anche di decrescita che consentano un maggiore equilibrio di ripartizione delle risorse e permettano finalmente l’uscita dal tunnel della storia.

La Libia spacca le diplomazie

La guerra libica rischia di fare, oltre purtroppo ai civili, una vittima illustre: la diplomazia. Dopo la morte dell’asse Berlino-Parigi, l’epidemia pare allargarsi in maniera contagiosa, andando a colpire rapporti che parevano consolidati e mettendo in pericolo sviluppi futuri. La situazione è di totale confusione, tutti accusano tutti e molti vogliono, od hanno già fatto, fare un passo indietro. E’ il caso della Norvegia, che ha già ritirato i suoi aerei proprio per la mancanza di chiarezza sulla catena di comando. Gli USA, condizionati da una opinione pubblica ostile e gravati da altri problemi, hanno già annunciato che faranno retromarcia in sostanza perchè la guerra non si risolverà in modo rapido. L’Italia senza ombrello della NATO, minaccia di rifutare l’uso delle sua basi, fondamentali per la logistica dell’operazione; ma nella NATO, Germania, Polonia e sopratutto Turchia sono contrarie all’operazione e senza la decisione unanime del consiglio l’Alleanza Atlantica non può entrare in azione, non essendo i ribelli di Gheddafi stato membro, condizione che farebbe scattare automaticamente il coinvolgimento nelle operazioni militari. La via più probabile pare un comando franco-inglese, ma se così sarà le defezioni saranno molte. In generale quello che non piace è stato l’eccessivo decisionismo francese, che ha scavalcato ogni forma di collegialità e di intesa andando a spaccare un già incrinato insieme diplomatico. Aldilà delle ragioni umanitarie condivisibili, la mossa di Sarkozy ha il sapore di vecchio colonialismo, è pur vero, che l’intervento militare si era ormai reso necessario per la piega presa dagli eventi, ma la Francia non ha insistito nella via diplomatica, prima, ed ha esagerato, dopo, nell’accentrare su se stessa, di fatto, il comando sia militare che politico delle operazioni. Inoltre sul piano mondiale la Russia e la Cina sono sempre più contrarie all’opzione militare ed i dubbi della Lega Araba non fanno che aumentare le perplessità. La Francia sta rischiando grosso ed alla fine potrebbe essere quella a pagare di più sulpiano diplomatico, se i tempi della guerra non saranno brevi.