End of the U.S. role as world policeman

Obama makes his official doctrine in foreign policy. The U.S. intention to cease to be the policeman of the world, and repeatedly emphasized began to be practiced with the Libyan war, has now become official policy of the government in Washington. This decision is not the result of the current economic situation, but the implementation in the long run, our program already in Obama’s campaign. The tragedy of September, after the elimination of bin Laden, while remaining in U.S. history, with this step is passed, as it exceeded the interventionist doctrine that has characterized the American diplomatic effort in the last century. Obama, in fact, replace the U.S. in the international scene, while remaining nation concerned, Washington is going to give primacy to international organizations for the settlement of international disputes. It ‘a direction, that undertaken, which reinforces the importance of the UN, where the U.S. also sit as a permanent member of the Security Council, NATO and even in the context of potential decisive action in a collegial manner. The intention is to put Obama and above all to perceive the U.S. as a nation like the other and not with the other relates to something unique and autonomous, but along the way, that should be common. At the same time it is a revolution and also a self-divestment of responsibility no longer sustainable, both from the political diplomatic and economic. The world will have to get used to seeing the U.S. in a different way, the picture faded imperialist, Washington did not hasten more where there is injustice, actually detected or the result of an analysis of convenience, but, rather, will refer to a third body with authority to resolve legitimate issues. The U.S. contribution will be only as a contribution and under the mandate of international organizations. This decision marries the majority opinion of Americans, including so even non-democratic voters, who are tired of the high social cost, in terms of fatalities and major financial costs that the U.S. administration has supported so far. The gain obtained was not perceived as sufficient to justify such a commitment. What is required is, conversely, a greater focus on domestic problems, which does not mean that the U.S. will fold on themselves, but means, first of all a rationalization of economic and political resources to foreign policy, which follows a new dimension of the approach to international problems. But the U.S. does not abdicate those who consider their key points, only in certain situations will not act in first person as the Libyan experience has clearly taught.

Fine del ruolo USA come gendarme del mondo

Obama rende ufficiale la sua dottrina in politica estera. L’intenzione americana di cessare di essere il gendarme del mondo, più volte sottolineata ed iniziata ad essere praticata con la guerra libica, è ora diventata linea ufficiale del governo di Washington. Questa decisione non è il frutto della situazione economica attuale, ma è l’attuazione, sul lungo periodo, di quello programmato da Obama già in campagna elettorale. La tragedia dell’undici settembre, dopo l’eliminazione di Bin Laden, pur restando nella storia degli Stati Uniti, con questo passo appare superata; come è superata la dottrina interventista che ha caratterizzato l’azione diplomatica americana nel secolo scorso. Obama, di fatto, riposiziona gli USA nel panorama internazionale, pur restando nazione di riferimento, Washington si avvia a dare supremazia agli organismi internazionali per la risoluzione delle dispute internazionali. E’ una direzione, quella intrapresa, che rafforza l’importanza dell’ONU, dove peraltro gli USA siedono come membro permanente del Consiglio di sicurezza, ed anche della NATO, nel quadro di potenziali interventi decisi in modo collegiale. L’intenzione di Obama è di mettere e sopratutto di fare percepire, gli USA, come una nazione al pari delle altre e che con le altre si rapporta non in maniera univoca ed autonoma, ma seguendo delle vie, che dovrebbero essere comuni. Allo stesso tempo si tratta di una rivoluzione ed anche una auto dismissione di responsabilità non più sostenibili, sia dal lato politico diplomatico, che economico. Il mondo dovrà abituarsi a vedere gli USA in modo differente, tramontata la figura imperialista, Washington non accorrerà più dove vi è l’ingiustizia, effettivamente rilevata o frutto di un’analisi di convenienza, ma, semmai, adirà ad organismi terzi investiti di autorità legittima per dirimere le questioni. L’apporto americano potrà esserci ma solo come contributo e sotto il mandato di organizzazioni internazionali. Tale decisione sposa l’opinione maggioritaria dei cittadini americani, comprendente quindi anche elettori non democratici, che sono stanchi dell’alto costo sociale, in termini di vittime e dei grandi costi finanziari che l’amministrazione USA ha sostenuto fino ad ora. Il guadagno ottenuto non è stato percepito in modo sufficiente per giustificare tale impegno. Quello che viene richiesto è, viceversa, una maggiore attenzione ai problemi interni, il che non vuole dire che gli USA si ripiegheranno su se stessi, ma significa, innanzitutto una razionalizzazione delle risorse economiche e politiche verso la politica estera, da cui consegue una nuova dimensione dell’approccio ai problemi internazionali. Ma gli USA non abdicheranno a quelli che ritengono i loro punti chiave, soltanto in determinate situazioni non agiranno in prima persona come l’esperienza libica ha chiaramente insegnato.

Facing the EU for Turkey

The Turkish threats to the EU, for the position of the next Presidency in Brussels, Cyprus, the Greek side, hide, in fact, others, and have a responsibility to look into Europe. Erdogan, after the refusal of entry into the EU, has turned his gaze to the east of Turkey, enjoying success both diplomatic and economic. Acting out of a rigid regulatory environment, how could it be that of the Community, Istanbul has been able to get more power and has learned to take a leading role. The occasion of the Arab spring has been the opportunity to further enhance diplomatic strategy to increase Turkish influence, so much to do to think of a clear phenomenon of neo Ottomanism. When the debate was at its height on the opportunity to enter the EU Turkey, no one has estimated that the outlet, in case of refusal, was to transform Istanbul, if not an enemy, an opponent. The many objections to the proposals, however, more of a religious or social groups from the extreme right or localist, have not analyzed the costs and benefits of the exclusion of Turkey. The debate has focused too narrowly on issues that have made it lose the overall view. Turkey has long been a growing country that has tried to channel their skills and attitudes towards what was to be the natural harbor of the western-most Islamic countries. It could be an opportunity for both Istanbul throughout the EU eastward enlargement of the European Union would allow, in addition to a greater and wider market, even a diplomatic potential of a completely different scale. Enter the country turkish out, in the old continent, it meant expanding the sphere of influence to the most reluctant EU Western interference. In contrast to treat the problem as merely a religious fact has severely truncated the possible positive developments, creating ice between the two parties. The recent confrontation with Israel, dictation, beyond the tragic events of last year, the need to appear as a representative in all respects of the Arab people, spotrebbe be resolved any other way, without taking a threat to peace. Now Turkey has a gear engaged, at the international level, contrary to EU policy, which tends to the leading role in the Arab Mediterranean in the south, in the near east and far beyond the Mesopotamian plain. This sort of back to the Ottoman Empire, should not be looked at with disdain by the West, Turkey has the political structures and tools to be able to influence the affinity these fledgling democracies, Arab, virtually devoid of all the tools to make the leap into the new form status. Istanbul has been prepared with wealth to become the main competitor to Europe on the ground of the southern Mediterranean, where they will play a crucial game for the future of the Mare Nostrum. The Cyprus issue is in part instrumental, because it serves to raise the temperature against Europe in the key expansion into Arab territories and the objective part, because it concerns the community and the state pro turkish island. If Cyprus is fulfilling its mandate for six months at the helm of the EU, gains visibility too high for what you want to look Erdogan, who will be weakened. For the head of the turkish government forced to abdicate the EU would represent a significant victory to throw on the table of prestige in the Arab world. However, it appears unlikely that Mr. Erdogan can see its demands fulfilled, this will not prevent, however, to undertake a diplomatic battle with the EU which has everything to gain.

Fronte UE per la Turchia

Le minacce turche alla UE, per la carica della prossima presidenza a Bruxelles, di Cipro, parte greca, nascondono, in realtà, altri fini ed hanno una responsabilità da cercare dentro all’Europa. Erdogan, dopo il rifiuto all’ingresso nella UE, ha rivolto lo sguardo della Turchia verso oriente, riscuotendo successi sia diplomatici che economici. Agendo fuori da un contesto normativo rigido, come poteva essere quello comunitario, Istanbul è riuscita a trarre maggiori vantaggi ed ha capito di potere prendere un ruolo da protagonista. L’occasione della primavera araba ha rappresentato la possibilità di incrementare ulteriormente la strategia diplomatica di aumentare l’influenza turca, tanto da fare pensare ad un chiaro fenomeno di neo ottomanesimo. Quando era in auge il dibattito sulla opportunità di fare accedere alla UE la Turchia, nessuno ha mai preventivato che lo sbocco, in caso di rifiuto, fosse di trasformare Istanbul, se non in un nemico, un avversario. Le tante obiezioni proposte, peraltro maggiormente di natura religiosa o sociale, provenienti dai gruppi di estrema destra o localistici, non hanno mai analizzato i costi ed i benefici dell’esclusione turca. Il dibattito si è focalizzato su temi troppo ristretti che ne hanno fatto perdere la visuale complessiva. La Turchia è da tempo un paese in crescita, che ha tentato di canalizzare le proprie capacità ed attitudini verso quello che doveva essere l’approdo naturale del più occidentale dei paesi islamici. Poteva trattarsi di una opportunità sia per Istanbul che per tutta la UE, l’allargamento verso l’oriente dell’Unione Europea avrebbe permesso, oltre ad un maggiore e più vasto mercato, anche una potenzialità diplomatica di ben altra portata. Inserire il paese turco, nell’alveo del vecchio continente, voleva dire allargare la sfera d’influenza comunitaria verso zone più restie all’ingerenza occidentale. Al contrario trattare il problema come un mero fatto religioso ha troncato pesantemente i possibili sviluppi positivi, creando gelo tra le due parti. Anche il recente confronto con Israele, dettato, al di là dei tragici fatti dello scorso anno, dalla necessità di figurare come rappresentante in tutto e per tutto del popolo arabo, si spotrebbe risolvere in altro modo, senza tenere costituire una minaccia per la pace. Ora la Turchia ha innestato una marcia, sul piano internazionale, contraria alla politica della UE, che tende al protagonismo nell’area araba del Mediterraneo del sud, nell’area del vicino oriente e fino oltre la pianura mesopotamica. Questa sorta di ritorno all’impero ottomano, non deve essere guardato con sufficienza dall’occidente, la Turchia possiede strutture politiche e strumenti di affinità tali da potere influenzare le nascenti democrazie arabe, prive praticamente di tutti gli strumenti per fare il salto nella nuova forma di stato. Istanbul si è preparata con dovizia a diventare il principale concorrente dell’Europa sul terreno del meridione del mediterraneo, dove si giocherà una partita fondamentale per il futuro del Mare Nostrum. La questione cipriota è in parte strumentale, perchè serve ad alzare la temperatura contro l’Europa in chiave di espansione verso i territori arabi ed in parte oggettiva, perchè riguarda la comunità e lo stato filo turco dell’isola. Se Cipro assolve il suo mandato di sei mesi alla guida della UE, acquista una visibilità troppo elevata per quello che vuole apparire Erdogan, che ne risulterebbe sminuito. Per il capo del governo turco costringere la UE ad abdicare rappresenterebbe una vittoria notevole da gettare sul tavolo del prestigio nel mondo arabo. Tuttavia appare difficile che Erdogan possa vedere le sue richieste esaudite, ciò non impedirà comunque, di intraprendere con la UE una battaglia diplomatica da cui ha tutto da guadagnare.

European unification is no longer postponed

At the end qulacuno has said the EU without the euro collapses. This is an equation inevitable, eventual death of the single currency, puts an end to years of efforts to promote the integration of the continent, you return back in time and, above all, hopelessly out of time requirements that call for unity against division and aggregation against isolation. The global economy imposes drastic choices, first of all policies. A unified guidance of the continent’s problems is the first thing to do, to impose a single political line, the personalities and the lack of recognition in a higher organism must give way to a convinced acceptance of a more centralist fast and able to make decisions unique , and linear determinants. It should make clear rules and lines, from which it must be impossible to derogate those who do not agree, even giving up part of their sovereignty, must be put off by the political and financial. The time requires choices from which net again, but that must be accepted with full conviction. The need is writing an important turning point in the events that follow one another: the greek possible default, although a defeat for the euro area and a tragedy for Athens, does not affect the core of the single currency. Not so if you come to a situation just as dangerous for Italy, strongly suspect that road, and France, of which we speak, probably for fear of altering the bags even more serious, but that has values ​​that do not prevent the same situations harmful. The domino effect would be to trigger that would be a burden on the entire world economy. It is no coincidence that China is close to buying Italian titles and also Brazil, India and South Africa intend to dispose of large doses of liquidity into the European financial system. Such aid is welcome, which temporarily resolve situations of great difficulty, but, going to lighten gangrenous situations do not permit a structural aid to the system, because they are not invested in developing projects, but they go to refinance interest costs. Without political stability on a continental scale and the redesign of the financial rules on a Europe-only feeds speculation. Among other things it is not inconceivable that their own network of speculators have targeted the euro zone to destroy the single currency, which potentially can be their worst enemy, because of the tools available. Never before has the acceleration needed for the unification was more vital.

L’unificazione europea non è più procrastinabile

Alla fine qulacuno lo ha detto: senza l’Euro crolla la UE. Si tratta di una equazione inevitabile, una eventuale morte della moneta unica, mette fine ad anni di sforzi per favorire l’integrazione del continente, si torna irrimediabilmente indietro nel tempo e sopratutto fuori dalle esigenze temporali attuali, che richiedono unità contro divisione ed aggregazione contro isolamento. L’economia mondiale impone scelte drastiche, prima di tutto politiche. Una guida unificata dei problemi del continente è la prima cosa da fare, per imporre una linea politica unica, i personalismi ed il mancato riconoscimento in un organismo superiore devono cedere il passo ad una accettazione convinta di un centralismo maggiormente veloce e capace di prendere decisioni univoche, lineari e determinanti. Occorre mettere linee e regole chiare, dalle quali deve essere impossibile derogare, chi non accetta, rinunciando anche a parte della propria sovranità, deve essere messo fuori dal sistema politico e finanziario. Il momento impone scelte nette dalle quali ripartire, ma che devono essere accettate con piena convinzione. La necessità di una svolta importante è scritta negli avvenimenti che si susseguono: il possibile default greco, pur essendo una sconfitta per la zona euro ed un dramma per Atene, non inficierebbe il nocciolo duro della moneta unica. Non così se si arrivasse a situazioni altrettanto pericolose per Italia, fortemente indiziata su quella strada, e Francia, di cui non si parla, probabilmente per paura di alterare in modo ancora più grave le borse, ma che ha valori tali da non scongiurare situazioni altrettanto nefaste. L’effetto domino che si andrebbe ad innescare andrebbe a gravare sulla totalità dell’economia mondiale. Non è un caso che la Cina sia vicina ad acquistare titoli italiani e che anche Brasile, India e Sud Africa intendano gettare consistenti dosi di liquidità nel sistema finanziario europeo. Si tratta di aiuti ben accetti, che risolvono momentaneamente situazioni di grande difficoltà, ma che, andando ad alleggerire situazioni incancrenite, non permettono un aiuto strutturale al sistema, perchè non vengono investiti per sviluppare progetti, ma vanno a rifinanziare il costo degli interessi. Senza stabilità politica a livello continentale ed il ridisegno delle regole finanziarie, in ambito europeo, si alimenta soltanto la speculazione. Tra l’altro non è da escludere che proprio la rete degli speculatori abbia preso di mira la zona euro per distruggere la moneta unica, che potenzialmente può rappresentare il loro nemico peggiore, proprio per gli strumenti a disposizione. Mai come ora l’accelerazione necessaria per l’unificazione è stata più vitale.

Considerations on the Chinese public debt

The Chinese provincial government debt would amount to 2,300 billion dollars. The estimate is corroborated by the fact that several local Chinese vicne the default. If you transfer this money alone, the debt of the Chinese state, the People’s Republic becomes the second state in the world to have the highest debt, behind the U.S.. The reason for the debt of local governments is largely due to the fact that these authorities should be responsible for building the infrastructure, roads, railways, airports, subways, which are an integral part of the reasons for China’s development. So the central state can not afford, ultimately, that the government must fail, and therefore more prone to intervene with their own cash to cover the holes of the debt. But doing so takes away the capital to be allocated to industrial growth, so far sustained in large numbers and the key to success in world-class power. The issue of local government debt is a kind of hidden debt for the dragon, that Beijing does not publish, trying to keep it as secret as possible. But the accumulated amount has reached danger levels, which does not allow the continuation of politics of the ostrich. China’s GDP has already started to contract and one of the reasons is the very high rate of borrowing in the global financial market in the country. Besides, even the inflationary occurred massively, making the system far from immune to the Chinese conditions of capitalist systems. In addition to reflections of a social nature, which are on the rise and which are due to this economic situation, China needs to revise its financial policies to avoid being trapped in the spiral generated by debt and inflation, which can lead to situations that Beijing could not be prepared to handle. At this moment it seems difficult to compress the public works, which are necessary to complete the necessary infrastructure to the country, so now the credit crunch for the industry, resulting in a lowering of production, also dictated by the lower demand for goods coming from countries Foreign subjected to the global crisis. The contraction in production, however, can metere in motion internal phenomena of unemployment to which you will need to answer. The masses that push from within the country can spread by simple police operations, like it or not Beijing will have to rethink their stance on welfare by investing more resources for the welfare of its citizens. Socially China, then in front of two roads to address the crisis: either tighten or take restrictive measures, while under the scheme to the government, changes that introduce a mix of reforms that allow at least part of the economy to escape the rigid control . But despite being the second the most logical way for us Westerners, the paths taken by the Chinese government seem to go in the first direction, throwing the country into an abyss of terror, but in the immutable laws will financial market, one of the worst enemies.

Considerazioni sul debito pubblico Cinese

Il debito delle amministrazioni provinciali cinesi ammonterebbe a 2.300 miliardi di dollari. La stima sarebbe corroborata dal fatto che diverse amministrazioni locali cinesi sono vicne al default. Se si trasferisce questa somma, da sola, al debito dello stato cinese, la Repubblica Popolare diventa il secondo stato al mondo ad avere il più alto debito pubblico, dietro agli USA. La ragione del debito pubblico delle amministrazioni locali è dovuta in gran parte al fatto, che tali amministrazioni devono farsi carico della costruzione delle infrastrutture, strade, ferrovie, aeroporti, metropolitane, che costituiscono parte integrante dei motivi dello sviluppo cinese. Quindi lo stato centrale non può permettere, in ultima analisi, che le amministrazioni più esposte falliscano e deve quindi intervenire con la propria liquidità a coprire i buchi del debito. Ma così facendo toglie capitale da destinare alla crescita industriale, finora sostenuta in modo massiccio e chiave di volta per l’affermazione a potenza di rango mondiale. La questione del debito delle amministrazioni locali costituisce una sorta di debito occulto per il dragone, che Pechino non rende pubblico, cercando di mantenerlo il più nascosto possibile. Ma l’entità accumulata ha ormai raggiunto livelli di guardia, che non permette la continuazione della politica dello struzzo. Il PIL cinese ha già iniziato a contrarsi ed una delle cause è proprio l’alto tasso di indebitamento presente nel mercato finanziario globale del paese. Del resto anche i fenomeni inflattivi si sono presentati in maniera massiccia, rendendo il sistema cinese tutt’altro che immune dalle patologie dei sistemi capitalistici. Oltre a riflessi di tipo sociale, che si stanno acuendo e che sono dovuti a questa situazione economica, la Cina deve rivedere la propria politica finanziaria per non restare intrappolata nella spirale generata da debito ed inflazione, che può portare a situazioni che Pechino potrebbe non essere preparata a gestire. In questo momento pare difficile comprimere le opere pubbliche, che sono necessarie per completare le infrastrutture necessarie al paese, quindi resta la stretta sul credito per l’industria, con un conseguente abbassamento della produzione, dettata anche dalla minore richiesta di beni, proveniente dai paesi esteri sottoposti alla crisi mondiale. La contrazione della produzione però può metere in moto fenomeni di disoccupazione interna a cui si dovrà dare necessariamente risposta. Le masse che premono dall’interno del paese non si possono disperdere con semplici operazioni di polizia, volente o nolente Pechino dovrà ripensare il proprio atteggiamento sul welfare investendo maggiore risorse per il benessere dei propri cittadini. Socialmente la Cina, ha quindi davanti due strade per affrontare la crisi: o inasprire le misure restrittive o assumere, pur nel quadro del regime al governo, modifiche che introducano un mix di riforme che permettano ad almeno parte dell’economia di sfuggire al rigido controllo. Ma pur essendo la seconda strada la più logica per noi occidentali, le vie prese dal governo cinese paiono andare nella prima direzione, gettando il paese verso un abisso di terrore, che però avrà nelle leggi immutabili del mercato finanziario, uno dei peggiori nemici.

Israel-Palestine problem settlers

Just a few days to September 20, the date of the fateful UN Assembly debate on the recognition of the state of Palestine and become stronger fears of unrest, especially in the West Bank, the PLO and strong core of followers of Abu Mazen where it started the initiative of the request for recognition at the United Nations. The major concerns relate to what will be the attitude of Israeli settlers who planted their settlements in an irregular manner, outside the boundaries set by the Treaties. Their fears of being evicted are likely to turn into violent acts against Arabs, sparking, so dangerous outbreaks of violence. The settlers who live in these settlements, are often members of the far right Jewish denominational and believe the territory of which have their property seized by virtue of religious precepts, precisely for these reasons are very determined and diapongono entire arsenals. Their attitude towards the Arabs is full of rejection and in more than one occasion have become protagonists of acts of vandalism against Arab property. Their method is to create scorched earth around their settlements, in order to maintain a safety perimeter intrusion from Arabic. If the state of Palestine should be recognized would be difficult for the Israeli state to continue to defend them, if not violating, as it did, the international law against a sovereign state. The settlers are in fact a dangerous anomaly in international law, being citizens of another state, allocated in the form of illegal foreign territory. The question is one of the hot spots of relations between Israel and Palestine and the obtuse attitude of the government of Tel Aviv, is evidence of unwillingness to continue negotiations. Not enough, in fact, the few demolition of the facade made by the government to redress the situation. In fact the method of pretending that nothing is the government strategy to gain ground in a nascent state of Palestine illegal. The state of Israel has been repeatedly urged to enforce the boundaries for its citizens, even from U.S. and EU, but has only assurances of circumstance, not followed by concrete actions. If the UN Declaration of the Assembly will be positive for Palestine is easy to imagine the immediate retaliation against the Arabs, followed by Arab reprisals, that Israel should be prevented from this easy assumption, but Tel Aviv’s interest has fanned the flames immediately to de-legitimize the state of Palestine with the usual arguments and adding also the inability to maintain control over its population. The fact of the settlers is therefore a real head of the bridge, which Israel uses to increase its territory in a subtle way and contrary to international law. Israel would eliminate this problem the right way to start to solve the Palestinian problem.

Israele-Palestina: problema coloni

Mancano pochi giorni al venti settembre, data fatidica della discussione dell’assemblea dell’ONU sul riconoscimento dello stato di Palestina e si fanno più forti i timori di disordini, in special modo in Cisgiordania, il nucleo forte dei seguaci OLP e di Abu Mazen, da dove è partita l’iniziativa della richiesta di riconoscimento presso le Nazioni Unite. I maggiori timori vertono su quello che sarà l’atteggiamento dei coloni israeliani che hanno impiantato i loro insediamenti in modo irregolare, fuori dai confini fissati dai trattati. Le loro paure di essere sfrattati rischiano di trasformarsi in atti violenti contro gli arabi, innescando, così, pericolosi focolai di violenza. I coloni che stanno in questi insediamenti irregolari, sono spesso appartenenti all’estrema destra confessionale ebraica e ritengono il territorio di cui si sono impossessati loro proprietà in forza dei precetti religiosi, proprio per queste ragioni sono molto determinati e diapongono di interi arsenali militari. Il loro atteggiamento verso gli arabi è di ripulsa totale ed in più di una occasione si sono resi protagonisti di atti di vandalismo contro proprietà arabe. Il loro metodo è creare terra bruciata intorno ai propri insediamenti, in modo da tenere un perimetro di sicurezza da eventuali intrusioni arabe. Se lo stato di Palestina dovesse essere riconosciuto sarebbe difficile anche per lo stato israeliano continuare a difenderli, se non violando, come già fatto, le leggi internazionali nei confronti di uno stato sovrano. I coloni rappresentano in effetti una pericolosa anomalia per il diritto internazionale, essendo cittadini di altro stato, stanziati in forma abusiva su territorio straniero. La questione è uno dei punti caldi dei rapporti tra Israele e Palestina e l’ottuso atteggiamento del governo di Tel Aviv, rappresenta la prova della mancata volontà di proseguire nelle trattative. Non bastano, infatti le poche demolizioni di facciata operate dal governo, per sanare la situazione. Anzi il metodo del fare finta di niente rappresenta la strategia governativa per guadagnare terreno in modo illegale al nascente stato di Palestina. Lo stato di Israele è stato più volte sollecitato a fare rispettare i confini ai suoi cittadini, anche da USA ed UE, ma ha solo fornito rassicurazioni di circostanza, non seguite da azioni concrete. Se la dichiarazione dell’assemblea ONU sarà positiva per la Palestina è facile immaginare azioni di ritorsione immediate contro gli arabi, cui seguiranno rappresaglie arabe, sarebbe opportuno che Israele prevenisse questa facile ipotesi, ma Tel Aviv ha interesse ha soffiare sul fuoco per delegittimare da subito lo stato di Palestina con le solite argomentazioni ed aggiungendo anche l’incapacità di mantenere il controllo sulla propria popolazione. Il fatto dei coloni è quindi una vera e propria testa di ponte, che Israele usa per aumentare il proprio territorio in modo subdolo e contrario al diritto internazionale. Eliminare questo problema metterebbe Israele dalla parte giusta per ripartire per la risoluzione del problema palestinese.