Russia is worried about the U.S. missiles in Europe

Russia is looking with concern the developments of tactical missile shield that the U.S. is focusing on Europe. The episode has raised the tension is the agreement between the U.S. and Spain for the use of the naval base of Rota by four U.S. Navy warships. The encirclement of Russia is like a U.S. missile installations in Europe and considers a threat to the stability of continental Europe the lack of agreement shared by all countries concerned by the range of the missile shield. The increase of the potential U.S. missile in Europe, is the real crux of the matter. Moscow sees change the balance against him a few kilometers from its borders and while not being any dispute with the U.S., wants to preserve its offensive capability and defensive even without that they are challenged by changing power relations. In part, this fear can be ascribed to a still from the old legacy proveninente East-West confrontation, of which the USSR was one of the two central poles. The nostalgia of the Soviet empire, at least on foreign policy and defense, is always present both in the ruling class in the Russian population and is a lever to use when you are in crisis of consensus. However this is not enough to explain the Russian early warning, we must also consider the geopolitical situation in Moscow, which is located a little away from major international decisions. China surpassed by the growing activism, using economic growth as a vehicle to increase its political weight, and decision-making outward from the US-EU, Moscow can not resume the role he had in the 80s of last century, although even great-power potential. But Russia, which pays little influence on the rest of the world can boast, has not been able to maintain close ties with the republics born of the USSR disgrgazione, except for a few satellite states and has not even been able to expand its influence to countries emerging, which could need a strong ally to carry out its policies. Russia is thus having to suffer from a sense of inferiority on the same continent, but it is also true that the ability of American missiles in Europe would be able to provide a significantly affecting the territory of Russia. This would be an opportunity to reopen discussion of the arms on the floor of the old continent, to reconsider a different approach, which involves a less and less use of these weapons for deterrence.

La Russia preoccupata per i missili USA in Europa

La Russia guarda con preoccupazione agli sviluppi tattici dello scudo spaziale che gli USA stanno incentrando in Europa. L’episodio che ha fatto innalzare la tensione è l’accordo tra USA e Spagna per l’uso della base navale di Rota da parte di quattro navi da guerra della marina statunitense. La Russia vive come un accerchiamento gli impianti missilistici americani presenti in Europa e giudica un pericolo per la stabilità continentale la mancanza di accordi condivisi tra tutti i paesi interessati dal raggio di azione dello scudo spaziale. L’aumento del potenziale missilistico degli USA in Europa, è il vero nodo della questione. Mosca vede variare gli equilibri a suo sfavore a pochi chilometri dalle sue frontiere e pur non essendo in corso con gli USA alcuna diatriba, vuole preservare la sua capacità offensiva ed anche difensiva, senza che queste siano messe in discussione da mutati rapporti di forza. In parte si può ascrivere questo timore ad un retaggio proveninente ancora dalla vecchia contrapposizione est-ovest, di cui l’URSS era uno dei due poli centrali. La nostalgia dell’impero sovietico, per lo meno sul tema della politica estera e della difesa, è sempre presente sia nella classe dirigente che nella popolazione russa ed è una leva da usare quando si è in crisi di consensi. Tuttavia ciò non basta a spiegare l’allarmismo russo, occorre anche considerare la situazione geopolitica di Mosca, che si trova un poco al margine delle grandi decisioni internazionali. Sorpassata dal crescente attivismo cinese, che usa l’espansione economica come vettore per aumentare il proprio peso politico, e fuori dall’asse decisionale USA-UE, Mosca non riesce a riprendere il ruolo che aveva negli anni ’80 dello scorso secolo, pur avendo ancora potenzialità da grande potenza. Ma la Russia paga la scarsa influenza che può vantare sul resto del mondo, non ha saputo mantenere gli stretti legami con le repubbliche nate dalla disgrgazione dell’URSS, se non per pochi stati satelliti e non ha saputo neppure allargare la propria influenza verso quei paesi emergenti, che potevano avere bisogno di un alleato forte per portare avanti le proprie politiche. La Russia si trova così a dovere soffrire per un senso di inferiorità sul proprio continente, tuttavia è pur vero che la capacità dei missili americani presenti in Europa sarebbe in grado di garantire di colpire in maniera significativa il territorio russo. Sarebbe questa una occasione per ridiscutere degli armamenti presenti sul suolo del vecchio continente, per ripensare un diverso approccio, che preveda un sempre minore impiego di questi armamenti di dissuasione.

UNESCO recognizes the right of Palestine to be a state

UNESCO recognizes a majority, 40 votes out of 58, the right of Palestine to be recognized by the UN as the UN was 194 °. Lack of consent of the eighteen, only four countries voted explicitly against USA, Germany, Romania and Latvia, while fourteen were abstentions, including France and Spain can be counted. Europe, therefore, continue to have no clear position on the issue, but to the need to resume negotiations. And ‘pilatesca position, which refers to other management issue and that is not conducive to leading international role that the EU wants to be. Positions of the rest are just like that of many European countries that make up the EU itself, to have forced the Palestinian leadership to move independently to the request of the international recognition as a last resort of the deadlock in negotiations, in fact imposed by the Israeli government and approved by the paucity of U.S. diplomacy. With the recognition of UNESCO, the UN agency for education, science and culture, Palestine continues its diplomatic encirclement maneuver Israel, forced to swallow mouthfuls increasingly bitter at the international level. The U.S., increasingly hostage Jewish electorate, strongly contest, by Hillary Clinton, the decision of UNESCO, and continue in their line that does not include a Palestinian state without negotiation, but in fact, do not exercise their influence on the Israeli government for the resumption of negotiations, that Tel Aviv, however, wants only to words, continuing to allow the establishment of new settlements in the West Bank. The way the situation is evolving, one can not give a reason to Abbas for his peaceful and effective tactics that can bring to the world the Palestinian problem, in the end it is clear that for the Palestinians is the only viable solution.

L’UNESCO riconosce il diritto alla Palestina di essere uno stato

L’UNESCO riconosce a maggioranza, 40 voti su 58, il diritto della Palestina ad essere riconosciuto dall’ONU come 194° stato delle Nazioni Unite. Dei diciotto mancati consensi, soltanto quattro paesi hanno votato espressamente contro: USA, Germania, Romania e Lettonia, mentre quattordici sono state le astensioni, tra cui si contano Francia e Spagna. L’Europa, quindi, continua a non avere una posizione univoca sulla questione, se non quella della necessità di riprendere i negoziati. E’ una posizione pilatesca, che rimanda ad altri la gestione della questione e non favorisce quel ruolo di preminenza internazionale che la UE vuole darsi. Del resto sono proprio posizioni come quella europea e di molti paesi che compongono la stessa UE, ad avere costretto i dirigenti palestinesi a muoversi autonomamente verso la richiesta del riconoscimento internazionale, quale extrema ratio del blocco dei negoziati, di fatto imposti dal governo israeliano ed avallati dalla pochezza della diplomazia USA. Con il riconoscimento dell’UNESCO, agenzia ONU per l’educazione, la scienza e la cultura, la Palestina continua la sua manovra di accerchiamento diplomatico di Israele, costretto a mandare giù bocconi sempre più amari sul piano internazionale. Gli USA, sempre più in ostaggio dell’elettorato ebraico, contestano con fermezza, per mezzo di Hillary Clinton, la decisione dell’UNESCO, e continuano nella loro linea che non prevede uno stato palestinese senza negoziazione, ma di fatto, non esercitano la loro influenza sul governo israeliano per la ripresa delle trattative, che Tel Aviv, peraltro, vuole solo a parole, continuando ad permettere l’instaurazione di nuove colonie in Cisgiordania. Per come si sta evolvendo la situazione non si può non dare ragione ad Abu Mazen per la sua tattica pacifica ed efficace capace di portare all’attenzione del mondo il problema palestinese, alla fine è palese che per i palestinesi è l’unica soluzione praticabile.

Erdogan to Israel has nuclear weapons

Erdogan chose to keep the tension high between his country and Israel. In fact, he stated that the Israeli state is a threat to the region, since it has the atomic bomb. Israel has never confirmed nor denied being a nuclear power, but it is reasonable to believe that its armed forces are equipped with atomic warheads. The geopolitics of the region, would seem to be poised and unstable has certainly helped, as part of the alliance with the United States, the supply of nuclear warheads, in light of progress on the Iranian nuclear research and repeated threats of Tehran toward Israel, now become the cornerstone of foreign policy of the ayatollahs. In the event that Erdogan has its own logic, both ways, in that time. The veracity of the declaration of the Prime Minister does not seem to be no doubt turkish: Turkey is a key component of NATO to the region and until recently was the first one of the major allies of Israel, with whom he entertained and developed military relations, strategic and technological, and Erdogan speaks with knowledge of the facts on the presence of nuclear weapons in the country of the star of David. Making this statement at this moment puts Israel in a bad light, which could further accentuate the isolation and the difficulties arising from the process of recognition of a Palestinian state at the United Nations. Erdogan with this statement hits the accelerator of the diplomatic battle against Israel, triggered by the events of the flotilla for aid to Gaza and is creating major problems for U.S. diplomacy, working to mend, but without success, a serious tear.

Per Erdogan Israele ha l’arma atomica

Erdogan sceglie di tenere alta la tensione tra il suo paese ed Israele. Infatti ha dichiarato che lo stato israeliano rappresenta una minaccia per la regione, dato che possiede la bomba atomica. Israele non ha mai confermato ne smentito di essere una potenza nucleare, tuttavia è ragionevole credere che le sue forze armate siano dotate di testate atomiche. L’assetto geopolitico della regione, da sembre in bilico e poco stabile ha senz’altro favorito, nel quadro dell’alleanza con gli Stati Uniti, la dotazione di testate atomiche, anche alla luce dei progressi iraniani sulla ricerca nucleare e delle ripetute minacce di Teheran verso Israele, divenute oramai caposaldo della politica estera del paese degli ayatollah. La denuncia di Erdogan ha una sua logica, sia nei modi, che nei tempi. Sulla veridicità della dichiarazione del primo ministro turco non paiono esserci dubbi: la Turchia è un componente fondamentale della NATO per la regione e fino a poco tempo prima era uno dei maggiori alleati di Israele, con il quale intratteneva e sviluppava rapporti militari, sia strategici che tecnologici, quindi Erdogan parla con cognizione di causa sulla presenza di testate atomiche nel paese della stella di David. Fare in questo momento questa affermazione pone Israele in una ulteriore cattiva luce che potrebbe accentuarne l’isolamento e le difficoltà generate dal processo di riconoscimento dello stato palestinese alle Nazioni Unite. Erdogan con questa dichiarazione schiaccia il piede sull’acceleratore della battaglia diplomatica contro Israele, innescata dalla vicenda della flottiglia per gli aiuti a Gaza e crea non pochi problemi alla diplomazia USA, impegnata a ricucire, peraltro senza successo, il grave strappo.

The complicated situation in Afghanistan towards peace

Peace in Afghanistan becomes a problem more complicated. The Karzai government has broken off negotiations with the Taliban, this decision opens up new scenarios, with new implications as well as new actors moving behind the scenes. Meanwhile, this decision could cause a delay in the withdrawal of NATO forces, with negative effects on the possibilities of re-election of President Obama, scheduled for 2012. The complication for the U.S., exacerbates an already difficult situation with Pakistan, according to Washington to protect the guilty terrorists Haqqani network, which is strongly suspected, as well as the assassination of the mediator and former Afghan President Rabbani, also other acts of terrorism that occurred on the border between Afghanistan and Pakistan against NATO forces. The basic problem, recognized by both Washington and Kabul, is that the main terrorist actions depart from Pakistani territory, hence the suspicion that the infrastructure of Kabul government, if not, at least in part, collusion, does not exercise due control of terrorist organizations, using Pakistani territory. However, the abandonment of negotiations with the Taliban movement forces the Afghan government to look to Islamabad, despite the conditions above are not all positive. Karzai’s move is risky because it seems difficult to achieve stability without involving the state, at least, the moderate Taliban forces in Afghanistan and to focus all his cards to Pakistan. This, however, bringing the two countries could, in fact recently divided, not only for the issues of terrorism, but also because the two were behind ciacuno looms the shadow of two individuals to each other in fierce competition. In fact, if China has focused on Pakistan, even managing to crack on the relationship between Islamabad and Washington, India has moved to Afghanistan to earn their cause. This move had a dual negative effect on the historical enemies of Pakistan have always been influenced by Indian and more negative opinion of the Chinese. On the other hand, the Indian strategy is understandable, in the trade war with the Chinese argue is required blow for blow jobs of the states, both from the perspective of development of the commercial market, which can increase the workforce. But this development of the commercial battle between two giants of the growth is likely to complicate the peace process of Afghanistan and fighting the same terrorist groups. For the USA, Pakistan, both strategically and politically, should be a key ally and the other was, until they came to the surface all the doubts about the loyalty of some of its state apparatus, now the relationship always more closely with China is an element of further cooling of relations. But the geographical location of Pakistan is essential for the stability of the Afghan state, this is the basic element from which every analysis and every direction you want to take can not be separated. The mess that you created, both in terms of political, diplomatic and even business seems difficult to disentangle, and perhaps the only viable option without too many obstacles is outside intervention, such as the commitment of an international mediator on the parties and without ulterior motives other than peace in the region.

La complicata situazione afghana verso la pace

La pace in Afghanistan diventa un problema sempre più complicato. Il governo Karzai ha rotto le trattative con i talebani, questa decisione apre nuovi scenari, con nuove implicazioni ed anche nuovi attori che si muovono dietro le quinte. Intanto questa decisione potrebbe provocare un ritardo nel ritiro delle forze NATO, con ricadute negative sulle possibilità di rielezione del Presidente Obama, in programma nel 2012. La complicazione per gli USA, aggrava una situazione già difficile con il Pakistan, colpevole secondo Washington di proteggere i terroristi della rete Haqqani, fortemente sospettati, oltre che dell’assassinio del mediatore ed ex presidente afghano Rabbani, anche di altre azioni terroristiche avvenute al confine tra Afghanistan e Pakistan contro le forze NATO. Il problema di fondo, rilevato sia da Washington che da Kabul, è che le azioni terroristiche principali partono dal territorio pakistano, da cui deriva il sospetto che l’infrastruttura statale di Kabul, se non, almeno in parte, collusa, non eserciti il dovuto controllo sulle organizzazioni terroristiche, che usano il territorio pakistano. Tuttavia, l’abbandono della trattativa con il movimento talebano obbliga il governo afghano a volgere lo sguardo verso Islamabad, nonostante le premesse di cui sopra non siano affatto positive. La mossa di Karzai è rischiosa perchè pare difficile ottenere stabilità per lo stato senza coinvolgere, almeno, la parte moderata dei talebani e costringe l’Afghanistan a puntare tutte le sue carte verso il Pakistan. Questo, però, potrebbe riavvicinare i due paesi, appunto ultimamente divisi, non soltanto per le questioni del terrorismo, ma anche perchè dietro a ciacuno dei due stati si staglia l’ombra di due soggetti tra loro in feroce competizione. Infatti se la Cina ha puntato sul Pakistan, riuscendo anche ad incrinare ulteriormente il rapporto tra Islamabad e Washington, l’India si è mossa in Afghanistan per guadagnarlo alla propria causa. Questa manovra ha avuto un duplice effetto negativo sui pakistani da sempre storici nemici dello stato indiano ed in più influenzati dal giudizio negativo dei cinesi. D’altra parte la strategia indiana è comprensibile, nella guerra commerciale con i cinesi è obbligatorio ribattere colpo su colpo all’occupazione degli stati, sia in ottica di sviluppo di mercato commerciale, che di possibile incremento di mano d’opera. Ma questo sviluppo della battaglia commerciale tra i due colossi della crescita rischia di complicare il processo di pace afghano e la stessa lotta ai gruppi terroristici. Per gli USA, il Pakistan, sia dal punto di vista strategico che politico, dovrebbe essere un alleato fondamentale e per altro lo è stato, fin quando non sono venuti a galla tutti i dubbi sulla lealtà di alcuni suoi apparati statali, ora il rapporto sempre più stretto con la Cina rappresenta un elemento di ulteriore raffreddamento dei rapporti. Ma la posizione geografica del Pakistan è essenziale per la stabilità dello stato afghano, questo è l’elemento di fondo dal quale ogni analisi ed ogni direzione che si vuole intraprendere non può prescindere. Il groviglio che si è creato, sia dal punto di vista politico, diplomatico ed anche commerciale pare difficilmente districabile e forse l’unica opzione praticabile senza troppi ostacoli è un intervento esterno, ad esempio l’impegno di un mediatore internazionale sopra le parti e senza secondi fini che non siano la pace nella regione.

The U.S. Senate against the devaluation of Chinese currency

The U.S. Senate is about to open a debate on the presentation of a bill that would allow to impose trade sanctions against China because of keeping the Chinese currency under evaluation made by Beijing. The U.S. trade balance in 2010 recorded a deficit with China of 273 billion dollars. China has expressed, through their government, the deep regret over the possible restrictive measure, which is seen as a clear violation of World Trade Organization (WTO) and which may affect trade relations between the two countries. In reality, the question of artificial depreciation of the yuan is a matter on the carpet for a long time, China’s strategy of maintaining a devaluation artificial part of a wider plan to promote exports of Chinese products on the richer markets. The Chinese practice, in fact, represents a clear episode of unfair competition and also if you think working conditions and wage labor, the trade position in Beijing can only be read incorrectly. Up to now both the U.S., the EU, have taken steps such as to demand an official of the Chinese currency to align its actual value. If the bill the U.S. Senate, had to go through, it would be a turning point in the trade war between China and the West, which could trigger a dangerous escalation of reprisals on both sides, especially in the American case, there are implications for the most the only large commercial dispute, as the big chunk of U.S. debt in the hands of Beijing. However, the U.S. position seems to compact with the problem of the yuan, in fact around the bill is almost unanimous agreement of both Democrats and Republicans. The opinion of politicians, in this case, reflects the common feeling of the American population, who now lives every occasion in contrast with the U.S. as an attack to the nation, especially in the economic field, where the situation becomes more delicate.

Gli USA contro la svalutazione della moneta cinese

Il senato degli USA sta per aprire un dibattito sulla presentazione di un disegno di legge che possa permettere di imporre sanzioni commerciali contro la Cina a causa del mantenimento della sotto valutazione della moneta cinese operata da Pechino. La bilancia commerciale americana nel 2010 ha registrato un deficit con la Cina di 273.000 milioni di dollari. La Cina ha espresso, attraverso il proprio governo, il profondo rincrescimento per la possibile misura restrittiva, che viene vista come una chiara violazione delle norme dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) e che può pregiudicare le relazioni commerciali tra i due paesi. In realtà la questione del deprezzamento artificiale dello yuan è una questione sul tappeto da tempo, la strategia cinese di mantenere una svalutazione artificiale rientra nel più ampio piano per favorire le esportazioni di prodotti cinesi sui mercati più ricchi. La pratica cinese, in effetti, rappresenta un chiaro episodio di concorrenza sleale ed inoltre se si pensa alle condizioni di lavoro e di salario della manodopera, la posizione commerciale di Pechino non può che essere letta in maniera scorretta. Fino ad ora sia gli USA, che la UE, non hanno fatto passi ufficiali tali da pretendere un allineamento della moneta cinese al suo effettivo valore. Se il disegno di legge al Senato USA, dovesse andare in porto, sarebbe una svolta nella guerra commerciale tra Cina ed Occidente, che potrebbe innescare una pericolosa escalation di ritorsioni da ambo le parti, sopratutto nel caso americano, vi sono implicazioni legate ad aspetti più ampi della sola diatriba commerciale, come la grossa fetta di debito pubblico USA in mano a Pechino. Tuttavia la posizione degli Stati Uniti pare compatta di fronte al problema dello yuan, infatti intorno al disegno di legge c’è l’accordo pressochè unanime sia di democratici che di repubblicani. Il parere dei politici, in questo caso, riflette il comune sentire della popolazione americana, che ormai vive ogni occasione in contrasto con gli USA come un attentato verso la nazione, specialmente nel campo economico, dove la situazione si fa sempre più delicata.