Turkey says Syria hostile country

Syria considers Turkey officially hostile country, is amended in the following military protocol, which, presumably, will be activated in case of approaching the borders of items or equipment of Syrian military forces. The new structure on the boundary line, brings the situation between the two countries to a level very close to conflict, worsening an stuazione, both regionally and internationally, already much impaired, for the simultaneous presence of different subjects with extremely opposing views on the Syrian issue. Erdogan’s move was carefully considered and dictated by anything but quick reaction times. Detailed examination of print-outs of radar tracks made by Turkish engineers, contradicts, in fact, the Syrian version. The jet was shot down in turkish international waters, it takes more and more body against the hypothesis that the Syrian air was testing new weapons supplied by the Russians in view of a possible international military action such as that practiced against the regime Gaddafi. In these terms the Turkish move was practically forced, even to give a clear signal to the international community, demonstrating an attitude certainly not passive. However, if the turkish attitude sets the stage for immediate retaliation to any other hostile acts, the true intentions of the government in Ankara are not the ones to follow Syria in a possible military escalation. This is demonstrated by the conditions of the request for the meeting of NATO countries convened not on the basis of Article 4 of the North Atlantic Treaty, which provides that the parties will consult together whenever, in the opinion of one of them, the territorial integrity, ‘political independence or security of any of the Parties is threatened, but by invoking Article 5, which provides that an attack on one member will be considered an attack against all, the level is very different then the enunciation of the foregoing provision. The Russian attitude was immediately moderation, may be indirectly responsible for the incident and called the hypothesis of no premeditation Syrian nell’abbattimento turkish aircraft, and invited to travel with greater conviction the path of dialogue initiated by Kofi Annan, which, however, up to now proved to be devoid of results. Moscow’s caution reveals a deep concern about a possible turning point of the matter is not pleasing to the Kremlin, which could bring further bad light foreign policy undertaken by Putin. If this were the case could be questioned throughout the scaffold on which rests the current Russian diplomatic strategy, too exposed with doubts and authoritarian regimes, in a relationship too often played on the edge of the convenience that goes beyond logical reasoning beyond obvious operations of power in the international theater.

La Turchia dichiara la Siria paese ostile

La Turchia considera ufficialmente la Siria paese ostile, viene così modificato il protocollo militare, che, presumibilmente, verrà attivato nel caso di avvicinamento alle frontiere di elementi o apparati delle forze militari siriane. Il nuovo assetto sulla linea di confine, porta la situazione tra i due paesi ad un livello molto vicino allo scontro, aggravando una stuazione, sia regionale, che internazionale, già molto compromessa, per la presenza contemporanea di diversi soggetti portatori di visioni anche estremamente opposte sulla questione siriana. La mossa di Erdogan è stata ben ponderata e dettata da tempi di reazione tutt’altro che rapidi. L’esame approfondito dei tabulati dei percorsi radar fatta dai tecnici turchi, contraddice, infatti la versione siriana. Il jet turco sarebbe stato abbattuto in acque internazionali; prende così sempre più corpo l’ipotesi che la contro aerea siriana stava testando i nuovi armamenti forniti dai russi in vista di una possibile azione militare internazionale del tipo di quella messa in atto contro il regime di Gheddafi. In questi termini la mossa turca è stata praticamente obbligata, anche per dare un chiaro segnale alla comunità internazionale, dimostrando un atteggiamento non certo passivo. Tuttavia, se l’atteggiamento turco pone le basi per immediate ritorsioni verso altri eventuali atti ostili, le vere intenzioni del governo di Ankara non sono quelle di seguire la Siria in una eventuale escalation militare. Lo dimostrano le condizioni della richiesta per la riunione dei paesi NATO, convocata non sulla base dell’articolo 4 del trattato atlantico, che dispone che le parti si consulteranno ogni volta che, nell’opinione di una di esse, l’integrità territoriale, l’indipendenza politica o la sicurezza di una delle parti fosse minacciata, ma richiamando l’articolo 5, che prevede, che un attacco contro un membro sarà considerato come un attacco contro tutti, di tenore ben diverso quindi dall’enunciazione della disposizione precedente. L’atteggiamento russo è stato da subito di moderazione, forse per essere indirettamente responsabile dell’accaduto, caldeggiando l’ipotesi della non premeditazione siriana nell’abbattimento dell’aereo turco, ed invitando a percorrere con maggiore convinzione la strada del dialogo intrapresa da Kofi Annan, che, peraltro, fino ad ora si è rivelata priva di risultati. La cautela di Mosca rivela una profonda preoccupazione per una possibile svolta della questione non gradita al Cremlino, che potrebbe mettere in ulteriore cattiva luce la politica estera intrapresa da Putin. Se così fosse potrebbe essere messa in discussione tutta l’impalcatura su cui attualmente poggia la strategia diplomatica russa, troppo esposta con regimi dubbi ed autoritari, in un rapporto troppo spesso giocato sul limite della convenienza, che esula da ragionamenti logici al di fuori di evidenti manovre di potere nel teatro internazionale.

Israeli fears for the power to Muslims in Egypt

Israel’s worst fears have come true with the election of President Mohamed Morsi in Egypt. The hopes of an election candidate’s army were frustrated by the rise to power of the exponent of a movement of radical Islamists, the Muslim Brotherhood, which considers Israel an enemy state. The official reaction in Tel Aviv are cool and marked by statements of fact, where he praises the Egyptian democratic progress and respect for the outcome of the elections, calling for the continuation of good relations present ta the two states. However, the real feelings of the country are deeply concerned about the possible developments of the situation and to the disappointment of failure to establish a fully secular democracy in Cairo. This, incidentally, was the error of judgment made by all Western governments, where it was felt that a revolution against a dictatorship would lead automatically to a democracy free from theocratic influences, characterized by elements, and this is the ‘ oxymoron, containing elements of authoritarianism. Issue perceived by the vast majority of Egyptians, who went to the polls because of the lack of confidence in both political conendenti, arrived on the ballot. For Israel now realizes the fear of the future of the Treaty of Camp David, which has allowed us to maintain a strong safety for thirty years on the southern border of the country. If these conditions were to change, to Tel Aviv is to review the whole entire defense posture in the country.
Despite the new Egyptian president has specifically said he will not change anything about trttati into force with Israel, the latter has an idea of ​​the Muslim Brotherhood, which puts them not far from Al Qaeda and basically does not believe the words of bites. The scheme that may arise is that of a maintenance officer of the Treaty, not infringed by official aid in weapons to Hamas and the reopening of Gaza border, which would allow the entry of terrorists into the Sinai, directly, by increasing the operational capacity of the movements anti-Israeli. Not even the faint hope that they see the Egyptian army as a possible counterweight to the power of the Muslim Brotherhood, may grant some peace to the Israelis. The days seem fact of cooperation between the two states against radical Islamic movements, the turnaround in Cairo is to assume a different attitude, certainly more tolerant towards Islamist groups, which certainly can not but raise the tension between two countries. For by the fall of Mubarak that we are witnessing repeated incidents and clashes on the border between Israel and Egypt, which can only be the prelude to a situation will worsen if more people do not intervene in the political arena egiziana.

Le paure israeliane per il potere agli islamici in Egitto

I peggiori timori israeliani si sono avverati con l’elezione di Mohamed Morsi a Presidente dell’Egitto. Le speranze di una elezione del candidato dell’esercito sono state frustrate dalla salita al potere dell’esponente di un movimento di radicali islamici, i Fratelli musulmani, che considera lo stato di Israele un nemico. Le reazioni ufficiali a Tel Aviv sono di freddezza ed improntate su dichiarazioni di circostanza, dove si loda il progresso democratico egiziano ed il rispetto per l’esito delle elezioni, auspicando la continuazione dei buoni rapporti presenti ta i due stati. Tuttavia i sentimenti reali del paese sono di profonda inquietudine per i possibili sviluppi della situazione e per la delusione della mancata instaurazione di una democrazia pienamente laica ad Il Cairo. Questo, del resto, è stato l’errore di valutazione compiuto da tutte le cancellerie occidentali, dove si è ritenuto che una rivoluzione contro una dittatura portasse in automatico ad una democrazia scevra da influssi teocratici, caratterizzati da elementi, ed è proprio questo l’ossimoro, contenenti elementi di autoritarismo. Questione percepita dalla grande maggioranza degli egiziani, che non si è recata alle urne proprio per la mancanza di fiducia in entrambi i conendenti politici, arrivati al ballottaggio. Per Israele ora si concretizza la paura del futuro del trattato di Camp David, che ha permesso di mantenere per trenta anni una salda sicurezza sul confine meridionale del paese. Se queste condizioni dovessero mutare, per Tel Aviv si tratta di rivedere tutto l’intero assetto difensivo in vigore nel paese.
Nonostante il nuovo presidente egiziano abbia espressamente detto che non intende cambiare nulla circa i trttati in vigore con Israele, quest’ultimo ha dei Fratelli musulmani una idea che li colloca non molto distante da Al Qaeda e sostanzialmente non crede alle parole di Morsi. Lo schema che potrebbe presentarsi è quello di un mantenimento ufficiale del trattato, violato in modo non ufficiale tramite aiuti in armi ad Hamas e la riapertura della frontiera di Gaza, che permetterebbe l’ingresso di terroristi direttamente nel Sinai, aumentando la capacità operativa dei movimenti anti israeliani. Neppure le flebili speranze, che vedono l’esercito egiziano come un possibile contrappeso al potere dei Fratelli musulmani, possono concedere una qualche tranquillità agli israeliani. Paiono infatti finiti i tempi della cooperazione tra i due stati contro i movimenti islamici radicali, l’inversione di rotta ad Il Cairo fa presupporre un diverso atteggiamento, certamente più tollerante, verso i gruppi islamisti, che certo non potrà che alzare la tensione fra i due paesi. Infatti è dalla caduta di Mubarak che si assiste a ripetuti incidenti e scontri alla frontiera tra Israele ed Egitto, che possono essere soltanto il prologo di una situazione destinata a peggiorare, se non interverranno ulteriori soggetti sulla scena politica egiziana.

U.S. presences in Syria and possible release of the crisis

The U.S. has directly operating theater staff in southern Syria through Turkey, the part which borders Syria, for the distribution of arms to the forces of opposition to the Assad regime. The main purpose is to check that the arms do not go into the hands of Islamic fundamentalist groups, including al-Qaeda cells, also present in the heterogeneous composition of the opponents of Damascus. There is also a contingent order to justify their presence in the U.S., and that is to learn more about the situation to prevent, in the fall of Assad, a fundamentalist drift of the country. In fact, the official American presence is only necessary that the distribution of non-war material, including instruments for radio communication and help physicians and staff of the White House denies the possibility of aid through the fonitura of military equipment, where funds come from official from Saudi Arabia, Qatar and Turkey. The official U.S. strategy in Syria remains one of the sanctions and diplomatic means, however, remains difficult to believe that the future of a country so important to the geopolitical region of the world’s most delicate, is not followed by a more direct sun control room in Washington. In this perspective, the presence in Turkey, the most important American ally in the area, would clarify the true intentions of the Obama administration, which uses a diplomat in Ankara as a shield, a situation which, however, strongly affects both states. Turkey, since dal’inizio the Syrian issue, has taken a definite stance, contrary to the policy of Assad, hosting many refugees on its territory from across the border and by working with the support of the rebels, the first in a more reserved, then more openly. In this context it is significant in the case of killing the turkish military aircraft, that would come to work against the Syrian air. Erdogan made it clear that if this is found Turkey prendrà adequate measures. It could be an opportunity for the military intervention in support of the rebels, until now impractical result. If the shooting down of turkish, in fact, to be read, by NATO, as an attack on the country, could trigger the clause Atlantic aid organization to its members victims of military attack. Although extreme, such a possibility, could the instrument for the solution of the crisis, against which China and Russia could only oppose condemnations of such diplomacy. The solution should therefore be in favor of the West, both as anti iran, from the perspective of Russia’s lower level of ambition and above all could finally stop the massacres of Assad, now too frequently.

Presenze USA in Siria e possibile sblocco della crisi

Gli USA starebbero operando direttamente nel teatro siriano attraverso personale presente nel sud della Turchia, la parte confinante con la Siria, per la distribuzione di armi alle forze di opposizione al regime di Assad. Lo scopo principale è controllare che le armi non vadano in mano a gruppi di fondamentalisti islamici, tra cui cellule di Al Qaeda, presenti anch’essi nella eterogenea composizione degli oppositori di Damasco. Vi è anche uno scopo contingente nella ragione della presenza americana, ed è quello di conoscere più a fondo la situazione per prevenire, nel caso della caduta di Assad, un deriva fondamentalista del paese. In realtà la presenza americana ufficialmente è soltanto quella necessaria alla distribuzione di materiale non bellico, tra cui strumenti di radio comunicazione ed aiuti medici e lo staff della Casa Bianca smentisce l’ipotesi degli aiuti attraverso la fonitura di materiale militare, i cui finanziamenti ufficiali provengono da Arabia Saudita, Qatar e Turchia. La strategia americana ufficiale, in Siria resta quella delle sanzioni e della via diplomatica, tuttavia resta difficile da credere, che il futuro di un paese così importante per gli assetti geopolitici della regione più delicata del mondo, non sia seguito in maniera più diretta che dalle sole control room di Washington. In quest’ottica la presenza in Turchia, l’alleato americano più importante dell’area, chiarirebbe le vere intenzioni del governo di Obama, che usa Ankara come scudo diplomatico in una situazione che interessa però fortemente entrambi gli stati. La Turchia, fin dal’inizio della questione siriana, ha assunto un atteggiamento ben preciso, contrario alla politica di Assad, ospitando sul suo territorio i numerosi profughi provenienti da oltre frontiera ed attivandosi con l’appoggio ai ribelli, prima in forma più riservata, poi in maniera più aperta. In questo quadro è significativo il caso dell’abbattimento della aereo militare turco, che sarebbe avvenuto ad opera della contro aerea siriana. Erdogan ha chiarito che se ciò verrà appurato la Turchia prendrà le adeguate contromisure. Potrebbe essere l’occasione per l’intervento militare in aiuto dei ribelli, fino ad ora risultato impraticabile. Se l’abbattimento dell’aereo turco, infatti, venisse letto, da parte della NATO, come un attacco al paese, potrebbe scattare la clausola dell’aiuto dell’organizzazione atlantica ai suoi membri vittime di attacco militare. Anche se estremizzata, tale eventualità, potrebbe lo strumento per la soluzione della crisi, contro cui Cina e Russia potrebbero opporre soltanto condanne di tipo diplomatico. La soluzione andrebbe quindi in favore dell’occidente, sia in chiave anti iran, che nell’ottica di ridimensionamento delle ambizioni russe e sopratutto potrebbe finalmente interrompere i massacri di Assad, ormai troppo frequenti.

The dangerous Russian attitude on Iran

The stalling of negotiations on Iranian nuclear, being held in Moscow, does not see positive results in the development of the issue. If the intention was to avert the possible Israeli attack, it should be said immediately that the conditions are not changed. The Russian stonewalling, outlined the foreign policy line taken by Putin, further contributes to a situation more confused. The impression is that Iran is instrumental to Russia and that it is also true, against U.S. and Europe. Beyond the diplomatic front, Moscow has taken a very precise way against the Iranian issue, which focuses in delaying the decision of the panel of the U.S., Russia, China, France, United Kingdom, Germany, in order to allow time for Iran in his plans. On the other hand, if Tehran persists in not implement requests for inspection of the sites indicted, clearly shows his true intentions, which can only be those that scare Tel Aviv. Moscow is pursuing a dangerous game in the Middle East, as well as with the Iran issue, including recent developments in Syria, put Russia in a position antithetical to the West, which can not but worry the international scene. Allow Iran to gain time and thus increase the atomic technology, a strategy appears to be almost incomprehensible, the risk of creating a truly regional conflict that could escalate into something larger, it is an instrument of pressure against the U.S., dense too many unknowns. The relationship is being created between the Iranian theocracy and Moscow can spin out of control in a not too distant future. The doubts that the Russian attitude raises must be included in the address given by Putin, willing to risk much to undermine the role of dominant power of the United States. Economic reasons are not enough, perhaps more suited to China, to explain the turning on foreign policy to the new tenant of the Kremlin. If Moscow thinks to catch up in the list of super powers, with a desperate tactic, you do not have many arguments to recur to the attention of the world, but this strategy of desperation can only point out the dangers of bears former Soviet Union, in identity crisis emerged in all its arrogance. If Moscow were to escape control, who believes that he, Iran, the world, the questions become very disturbing.

Il pericoloso atteggiamento russo sulla questione iraniana

Lo stallo dei negoziati sul nucleare iraniano, in corso a Mosca, non fa intravedere risultati positivi nello sviluppo della questione. Se l’intenzione era scongiurare il possibile attacco israeliano, va subito detto che le condizioni non sono affatto mutate. L’ostruzionismo russo, delineato dalla linea di politica estera intrapresa da Putin, contribuisce ulteriormente ad una situazione maggiormente confusa. L’impressione è che l’Iran sia strumentale alla Russia e che sia vero anche il contrario, nei confronti di USA ed Europa. Aldilà della facciata diplomatica, Mosca ha preso una via ben precisa nei confronti della questione iraniana, che si impernia nel procrastinare la decisione del gruppo composto da USA, Russia, Cina, Francia, Regno Unito, Germania, in modo da dare tempo all’Iran nei suoi piani. D’altra parte se Teheran si ostina a non dare corso alle richieste di ispezione dei siti incriminati, dimostra chiaramente le sue reali intenzioni, che non possono che essere quelle che spaventano Tel Aviv. Mosca sta portando avanti un gioco pericoloso nel medio oriente, oltre che con la questione iraniana, anche i recenti sviluppi in Siria, pongono la Russia in una posizione di antitesi con l’occidente, che non può che preoccupare il panorama internazionale. Permettere all’Iran di guadagnare tempo e così aumentare la tecnologia atomica, appare come una strategia quasi incomprensibile, il rischio di provocare veramente un conflitto che da regionale può degenerare in qualcosa di più ampio, appare uno strumento di pressione nei confronti degli USA, denso di troppe incognite. Anche il rapporto che si sta creando tra la teocrazia iraniana e Mosca può andare fuori controllo in un futuro non molto lontano. Le perplessità che suscita l’atteggiamento russo devono essere comprese nell’indirizzo impartito da Putin, disposto a rischiare molto per intaccare il ruolo di potenza dominate degli Stati Uniti. Non bastano i motivi economici, forse più confacenti alla Cina, per spiegare la sterzata data in politica estera al nuovo inquilino del Cremlino. Se Mosca pensa di riguadagnare terreno nella classifica delle super potenze, con una tattica così disperata, significa che non ha molti argomenti per riproporsi all’attenzione del mondo, ma questa strategia della disperazione non può che rimarcare la pericolosità dell’orso ex sovietico, in crisi di identità emersa in tutta la sua prepotenza. Se a Mosca dovesse sfuggire il controllo, che crede di avere, sull’Iran, per il mondo gli interrogativi diventeranno veramente inquietanti.

U.S. and Europe: citizenship policies different

Obama’s decision to give citizenship to 800,000 Americans in the heart, as he defined the U.S. President, once again raises the question of strength and innovation European American compared to immobility. Beyond the considerations of a partisan, who presented the Republicans, even with valid arguments, and legal implications of a measure which has showy gaps, we must reflect, in these times of deep economic crisis, the impact of such a measure and the capacity to support it. This standard must be to have a direct bearing on that side of the economy, which considers investment as a news story that can raise the GDP of a country. Naturalized 800,000 people that can not be seen as an act of trust in a sluggish economic recovery, but, together, also a profound lesson of regionalism with Europe prospetive restricted. Of course, even in a particularly difficult time the U.S. has an economic force capable of supporting a measure that the EU could not even conceive. But the economic side, while important, is only part of the problem. The closure of many European societies is due to the lack of ability to manage a problem that could become an opportunity. Myopic institutions have not been able to regulate a market for illegal immigrants, which was convenient to exploiters in every field, with the result of raising the temperature measured in the social thermometer. This has resulted in a cultural closure, which restricts the possibility of naturalization even in the most obvious. Giving citizenship to those born or grew only in European countries is not an act of mercy, but a real investment for the company’s growth. Not here it is hoped an opening of borders is not regulated, even calling for a more careful adjustment in grdo to draw the right distinctions. On the other hand, the migration is an irreversible fact that does not stop with blunt indiscriminate closures. Obama has made many mistakes in his tenure, especially failing to keep some campaign promises, but this measure proves to be a policy of high class, which has no comparison in Europe.

USA ed Europa: politiche di cittadinanza differenti

La decisione di Obama di dare la cittadinanza ad 800.000 americani nel cuore, come li ha definiti il Presidente USA, pone ancora una volta la questione della forza e dell’innovazione americana rispetto all’immobilismo europeo. Aldilà delle considerazioni di carattere partigiano, che hanno presentato i repubblicani, con argomentazioni anche valide, e delle implicazioni legali di un provvedimento che presenta vistose lacune, occorre riflettere, in questi tempi di profonda crisi economica, sull’impatto di un provvedimento del genere e della capacità di sostenerlo. La norma va ad incidere direttamente su quel lato dell’economia, che considera gli investimenti come una notizia che può fare innalzare il prodotto interno lordo di un paese. Naturalizzare 800.000 persone non può che essere visto come un atto di fiducia in una ripresa economica che stenta a decollare, ma, insieme, anche una profonda lezione all’Europa del regionalismo con le prospetive ristrette. Certo, anche in un momento particolarmente difficile gli USA hanno una forza economica in grado di sostenere un provvedimento che la UE non potrebbe neppure concepire. Ma il lato economico, pur importante, rappresenta solo una parte del problema. La chiusura di molte società europee è dovuta alla mancanza di capacità di gestione di un problema, che poteva diventare una opportunità. Istituzioni miopi non hanno saputo regolare un mercato dei clandestini, che faceva comodo a sfruttatori presenti in ogni campo, con il risultato di innalzare la temperatura rilevata nel termometro sociale. Questo ha determinato una chiusura culturale, che restringe le possibilità di naturalizzazione anche nei casi più evidenti. Dare la cittadinanza a chi è nato o anche solo cresciuto nei paesi europei non è un atto di misericordia ma un concreto investimento per la crescita della società. Non si auspica qui una apertura delle frontiere non regolata, anzi si chiede una regolazione più attenta in grdo di elaborare le giuste distinzioni. D’altra parte il fenomeno migratorio è un fatto irreversibile che non si ferma con ottuse chiusure indiscriminate. Obama ha fatto molti errori nel suo mandato, sopratutto non riuscendo a mantenere alcune promesse elettorali, ma con questo provvedimento si rivela un politica di alta classe, che in Europa non ha alcun paragone.