The policy is expected to resume control over the economy and finance

The financial problem is that afflict Western states is a clear distortion that plagues the government system of democracy. The loosening of legal controls in favor of a supposed free application of the free market has generated economic failures of democratic systems, where you can go out only with difficulty. The assertion of the abolition of the conviction, almost complete, the so-called strings and snares set by governments, rather than encourage the spread of wealth, has increased the social costs of putting it on less affluent segments of the population. The liberal creed has been bypassed to the right extreme of speculation, which has used political and economic conjunctures, in short, globalization with all the bells and whistles, and the development of tools that have allowed the constant control of the spending data with negligible the network. Faced with these developments, the reaction time of political organizations has always been at least one step back to the situation of the moment, this has never allowed an adequate response to stem the crises. We are in front of institutions that designed and built when globalization and the Internet were not even imaginable, finance, even with all its flaws and violations of the laws, by tracks that was regimented, which did not allow disasters like those of today. What they are witnessing is, indisputably, the Democratic defeat in the face of the scaffold to a highly distorted market laws. Not that there were the signs that could put some brake on the development of this economy, only financial, but the choices governments have focused on why these practices were beginning to cover even their flaws. ll been chosen as the high indebtedness of economic practice, now in a strong financial speculation, have created the instability that is gripping the world these days. Hence the need to create instruments, including supranational, that put politics before the finance and know how to give due importance to the real economy, putting the blocks, not only legal, but tax can discourage the use of finance to convert the assets available to the productive economy and tangible. Culture marked by years of easy money helped to develop obvious flaws in political systems, which have encouraged, not controlling it, the practice of speculative Financial data as the highest value of neoliberalism and unfettered inspections. Now this time is up for the lack of liquidity, but despite the failure is clear and in front of all the states are struggling to give themselves a reorganization that put the future of the shelter. Should be made subject to the budgetary details not only of the states, but also of society and especially the banks, which have caused so much damage to the system. But this should not occur for self-regulation of the market, even as liberals argue, but to control massive interventions by the states and supranational institutions that oversee the regulation of the financial district system. What is to be developed is an intense cooperation among states to curb the speculative phenomenon, putting out the international forum that does not fit, the only way to avoid migration of capital to countries with less strict. Once again, the solution passes through a government partnership that transcends the physical borders of states.

La politica deve riprendere il controllo sull’economia e la finanza

Il problema finanziario che sta angustiando gli stati occidentali è una chiara distorsione che affligge il sistema di governo della democrazia. L’allentamento dei controlli legali, in favore di una supposta libera applicazione del libero mercato ha generato dei guasti ai sistemi economici democratici, da cui si potrà uscire solo con fatica. L’affermazione del convincimento dell’abolizione, pressochè totale, dei cosidetti lacci e lacciuoli imposti dai governi, anzichè favorire la diffusione del benessere, ha accresciuto i costi sociali caricandoli sulle fasce meno ricche della popolazione. Il credo liberista è stato scavalcato alla sua destra dalla speculazione estrema, che si è avvalsa e di congiunture politico economiche, in sintesi la globalizzazione con tutti gli annessi e connessi, e dello sviluppo di strumenti che hanno permesso il costante controllo dei dati con spesa irrisoria, la rete. Di fronte a questi sviluppi il tempo di reazione degli organismi politici è stato sempre almeno un passo indietro alla situazione del momento; ciò non ha mai permesso una adeguata risposta per tamponare i fenomeni di crisi. SIamo cioè davanti ad istituzioni pensate e costruite quando la globalizzazione ed internet non erano nemmeno immaginabili, la finanza, pur con tutti i difetti e le violazioni alle leggi, era irregimentata entro binari sicuri, che non permettevano disastri come quelli odierni. Quello a cui si assiste è, inconfutabilmente, la sconfitta dell’impalcatura democratica di fronte ad una legge del mercato fortemente distorta. Non che non ci siano state le avvisaglie che potevano mettere un qualche freno allo sviluppo di questa economia esclusivamente di tipo finanziario, ma le scelte dei governi hanno privilegiato queste pratiche perchè all’inizio andavano a coprire anche le loro falle. ll forte indebitamento degli stati scelto come pratica economica, giunto alla forte speculazione finanziaria, hanno creato il dissesto che attanaglia il mondo in questi giorni. Da qui la necessità di creare strumenti, anche sovranazionali, che mettano la politica davanti alla finanza e sappiano dare la giusta importanza all’economia reale, mettendo dei blocchi, non solo legali, ma di natura fiscale in grado di scoraggiare l’uso della finanza per riconvertire i beni disponibili verso l’economia produttiva e tangibile. Anni di cultura improntata al facile guadagno hanno contribuito a sviluppare evidenti falle nei sistemi politici, che hanno favorito, non controllandola, la pratica finaziaria speculativa come massimo valore del neoliberismo senza freni e controlli. Ora questo tempo è finito per la mancanza di liquidità, ma nonostante il fallimento sia chiaro e davanti a tutti, gli stati stentano a darsi una riorganizzazione che metta il futuro al riparo. Occorre vincolare i dati di bilancio non solo degli stati, ma anche delle società e sopratutto degli istituti di credito, che tanto danno hanno arrecato al sistema. Ma ciò non deve avvenire per autoregolamentazione del mercato, come asseriscono ancora i liberisti, ma per interventi massicci di regolazione da parte degli stati e delle istituzioni sovrastatali, che sovraintendono la regolazione del sistema finaziario. Quella che si deve sviluppare è una cooperazione intensa anche tra gli stati per frenare il fenomeno speculativo, mettendo fuori dal consesso internazionale che non aderisce, solo così si eviteranno migrazioni di capitali verso paesi con legislazioni meno rigide. Ancora una volta la soluzione passa per un governo di collaborazione che oltrepassi le frontiere fisiche degli stati.

The structure of the new Libyan diplomats

The behavior of Algeria, who first did not recognize the rebels as official representatives of the CNT of the Libyan people and then gave shelter to the family of Gaddafi, is the clearest example of how African countries still nurture a reverence for the rais , although it is now clear his fall from grace. While the Western world almost immediately, although with time and different ways, recognized the authority of the rebels, appending to the coalition of the willing, Africa has been kept a certain distance from the positions against the regime in Tripoli. The isolation in which the Qaddafi regime had thrown the country, has forced the Colonel to seek other outlets for diplomats, to search for a network of international collaboration. With its rich Libya was the main funder of the African League, which corresponded to only about fifteen percent of total contributions, he also saved from bankruptcy several African countries, including Mali, and has funded several infrastructure on the African continent. For Africans Gaddafi has always been seen as a benefactor and one of the few politicians of the continent to be able to impose itself on Western colonialism. African imagination Colonel embodied the success of deliverance from the colonial regimes and the use of the resources of the people self-owner. Such representation was a clever marketing ploy of political Colonel, managed with a lot of money. This explains the slowness with which the short-sightedness and also the African continent reacts to the change of power taking place in Tripoli. The reaction of the rebels to the granting of asylum to the family of anger and Gaddafi was the start of diplomatic relations with neighboring Algeria is not so marked in a positive way. The rebels themselves have confirmed that diplomatic relations will be positive, first of all, with the countries of the coalition of the willing and then with all those nations that have formally recognized the CNT as a legitimate representative of the Libyan people. In a situation not quite positive there are China and Russia are reluctant to support, at the UN, rebels in Libya, for them there should be severe problems of access to oil supplies from Libya. The reconstruction part of Libya, so even the diplomatic relations, which initially will rely on the help received from the CNT.

Gli assetti diplomatici della nuova Libia

Il comportamento dell’Algeria, che prima non ha riconosciuto i ribelli del CNT come rappresentanti ufficiali del popolo libico e che poi ha dato rifugio alla famiglia di Gheddafi, è l’esempio più limpido di come i paesi africani nutrano ancora una riverenza verso il rais, nonostante sia ormai chiara la sua caduta in disgrazia. Mentre il mondo occidentale ha quasi da subito, sebbene con tempi e modi diversi, riconosciuto l’autorità dei ribelli, accodandosi alla coalizione dei volenterosi, l’Africa ha subito mantenuto un certo distacco dalle posizioni contro il regime di Tripoli. L’isolamento in cui il regime di Gheddafi aveva gettato il paese, ha obbligato il colonnello a cercare altri sbocchi diplomatici, per cercare una rete di collaborazione internazionale. Con la sua ricchezza la Libia è stata il principale finanziatore della Lega Africana, alla quale corrispondeva, da sola, circa il quindici per cento dei contributi totali; inoltre ha salvato dalla bancarotta diversi stati africani, tra i quali il Mali, ed ha finanziato diverse infrastrutture nel continente africano. Per gli africani Gheddafi è stato sempre visto come un benefattore ed uno dei pochi politici del continente a riuscire ad imporsi al colonialismo occidentale. Nell’immaginario africano il colonnello incarnava la riuscita dell’affrancamento dai regimi coloniali e l’uso autonomo delle risorse del popolo proprietario. Tale raffigurazione è stata una abile manovra di marketing politico del colonnello, gestita con ingenti capitali. Così si spiega la lentezza ed anche la miopia con cui il continente africano reagisce al cambiamento di potere in corso a Tripoli. La reazione dei ribelli alla concessione dell’asilo ai familiari di Gheddafi è stata di sdegno e la partenza dei rapporti diplomatici con il vicino algerino non è quindi segnata in maniera positiva. Gli stessi ribelli hanno confermato che i rapporti diplomatici saranno positivi, innazitutto, con i paesi della coalizione dei volenterosi e poi con tutte quelle nazioni che hanno formalmente riconosciuto il CNT come legittimo rappresentante del popolo libico. In una situazione non proprio positiva vi sono anche Cina e Russia, restie ad appoggiare, in sede ONU, i ribelli libici, per loro dovrebbero esserci grossi problemi per accedere alle forniture di petrolio libico. La ricostruzione della Libia parte, quindi, anche dai rapporti diplomatici, che all’inizio si baseranno sull’aiuto ricevuto dal CNT.

What will the UN in Libya

The UN, as stated by the Secretary-General Ban Ki-moon, should prepare a humanitarian mission in Libya, where the situation is becoming increasingly serious for the population. The food are scarce and there are major problems for water supply and energy. The telecommunications networks are deeply damaged and the situation is tragic because hospitals lack medicines as well, lacking even the doctors have fled, because the war did not spare even the places of care. As the war should be the last lines, you think, as well as emergencies in the reconstruction of the country. With a population of about six million people and with great energy and natural resources available, Libya has the conditions to ensure its inhabitants a widespread prosperity. Political conditions must be created in order to provide the country with a democratic system, based on the guarantee of law. In this sense, the questions are still not providing answers, the rebels are an aggregate of different tendencies, held together by an aversion to Gaddafi. In addition, large pieces of old machinery by loyalists continue to come off to get on the bandwagon. On the religious level, the Libyan Islamic fundamentalists have never been in favor of Jiahd total, how much of a national Jiahd, why even have had disagreements with Al Qaeda, are also the Muslim Brotherhood, which have a very structured organization . In the Libyan revolution rather than an immediate call for democracy, as in Tunisia and Egypt, the main reason was the overthrow of the dictatorship, became increasingly oppressive, Gaddafi. Certainly a step towards democracy will be the next one, but until this is finished unifying factor, it will be difficult to make an upset by the forces. The country was run over by a dictatorship that was preparing to celebrate its anniversary quarantatresimo, has a political and socially the only form present is the tribal organization. The UN, in addition to material aid, will also help in the practical terms of the democratization of the country, too much back on this floor. Conversely there may be room for other dictators individual or collective.

Quello che l’ONU troverà in Libia

L’ONU, come ha affermato il segretario generale Ban Ki Moon, dovrebbe approntare una missione umanitaria in Libia, dove la situazione sta diventando sempre più grave per la popolazione. I beni alimentari stanno scarseggiando ed esistono grossi problemi per l’approvigionamento idrico ed energetico. Le reti di telecomunicazioni sono profondamente danneggiate e la situazione degli ospedali è tragica perchè oltre a mancare i medicinali, mancano anche i medici fuggiti, perchè la guerra non ha risparmiato neppure i luoghi di cura. Mentre la guerra dovrebbe essere alle ultime battute, si pensa, oltre che alle emergenze anche alla ricostruzione del paese. Con una popolazione di circa sei milioni di persone e con grandi risorse energetiche e paesaggistiche a disposizione, la Libia possiede le condizioni per garantire ai suoi abitanti un benessere diffuso. Dovranno essere create le condizioni politiche in maniera da dotare il paese di un apparato democratico, basato sulla garanzia della legge. In questo senso le domande non forniscono ancora risposte sicure, i ribelli sono un aggregato di diverse tendenze, tenuti insieme dall’avversione a Gheddafi. Inoltre pezzi consistenti del vecchio apparato continuano a staccarsi dai lealisti per salire sul carro dei vincitori. Sul piano religioso, gli integralisti islamici libici non sono mai stati a favore della Jiahd totale, quanto di una Jiahd nazionale, motivo per il quale hanno avuto contrasti anche con Al Qaeda, sono presenti anche i Fratelli Musulmani, che godono di una organizzazione molto strutturata. Nella rivoluzione libica più che una immediata richiesta di democrazia, come avvenuto in Tunisia ed Egitto, la ragione principale è stata il rovesciamento della dittatura, divenuta sempre più oppressiva, di Gheddafi. Certamente il passo verso la democrazia sarà quello successivo, ma finchè non sarà finito il fattore aggregante, sarà difficile fare una disanima delle forze in campo. Il paese è stato schiacciato da una dittatura che si apprestava a festeggiare il suo quarantatresimo anniversario, non ha una struttura politica ed anche socialmente l’unica forma presente è l’organizzazione tribale. L’ONU, oltre agli aiuti materiali, dovrà anche fornire un aiuto concreto sul piano della democratizzazione del paese, troppo arretrato su questo piano. Viceversa potrebbe esserci spazio per altri dittatori singoli o collegiali.

The debate on the recognition of Palestine closer

As we approach the date for the discussion on recognition of Palestine to the UN, the diplomatic negotiations in full swing on both sides to win support for their cause. Israel, which fears a strongly positive result for the Palestinians, even meditate deserting the Assembly of the United Nations. According to calculations of some observers to Palestine faverevoli countries would be between 130 and 140, the Palestinian leaders are also seeking the approval of the EU, which, incidentally, is also the center of negotiations by the Israelis. For Tel Aviv, the eventual recognition would lead to a variety of negative consequences especially in terms of strategy that the Israeli government is implementing in office: from military attacks to the West Bank and Gaza Strip until the settlements. Right now the Palestinian territories did not have the dignity of state and Israel plays on the edge of the legitimacy of its actions against international law, recognition would change the status of Palestine that could appeal to the UN itself in case of being subject to military action by its recognized borders. Israel needs more time to settle the question of the territories entrusted to the settlers in Palestinian territory, from the standpoint of domestic politics Benjamin Netanyahu is pressured by ultra-Orthodox, who are a crutch for his government, but also from the front that pushes for peace resumption of peace negotiations. The vision of the Israeli government in office is to gain the maximum possible portion of land and the Palestinian recognition is not just an obstacle in the plans of Tel Aviv. Israel does not follow a real tactic to prevent the recognition of Palestine, if not alarming prediction issued on terrorism and the fallout of this international recognition. In contrast the behavior of Abu Mazen, who has kept a low profile working under track for approval, that if there will be, will be, largely a triumph.

Il dibattito per il riconoscimento della Palestina sempre più vicino

Mentre si avvicina l’appuntamento per la discussione sul riconoscimento della Palestina all’ONU, fervono le trattative diplomatiche da ambo le parti, per guadagnare consensi alla propria causa. Israele, che teme fortemente un risultato positivo per i palestinesi, medita addirittura di disertare l’assemblea delle Nazioni Unite. Secondo calcoli di alcuni osservatori i paesi faverevoli alla Palestina sarebbero tra i 130 ed i 140, i dirigenti palestinesi stanno cercando anche l’assenso della UE, che, per altro, risulta al centro delle trattative anche da parte degli israeliani. Per Tel Aviv, l’eventuale riconoscimento porterebbe a tutta una serie di conseguenze negative sopratutto sul piano della strategia che il governo israeliano in carica sta attuando: dagli attacchi militari alla striscia di Gaza e Cisgiordania fino agli insediamenti dei coloni. In questo momento i territori palestinesi non hanno la dignità di stato e Israele gioca sul filo della legittimità della propria azione nei confronti del diritto internazionale, il riconoscimento muterebbe lo status della Palestina che potrebbe appellarsi alla stessa ONU in caso di essere oggetto di azioni militari entro i propri confini riconosciuti. Israele ha bisogno ancora di tempo per sistemare la questione dei territori affidati ai coloni in territorio palestinese, dal punto di vista della politica interna Benjamin Netanyahu è pressato dagli ultraortodossi, che costituiscono una stampella al suo governo, ma anche dal fronte pacifista che spinge per la ripresa dei negoziati di pace. La visione del governo israeliano in carica mira a guadagnare la massima porzione territoriale possibile ed il riconoscimento palestinese rappresenta un freno non da poco nei piani di Tel Aviv. Israele non seguito una vera e propria tattica per impedire il riconoscimento della Palestina, se non emettere vaticinii allarmanti sul terrorismo e sulla ricaduta internazionale di questo riconoscimento. All’opposto il comportamento di Abu Mazen, che ha mantenuto un basso profilo lavorando sotto traccia per il riconoscimento, che se ci sarà, rappresenterà, in gran parte un suo trionfo.

The questionable legitimacy of the use of UN resolution on the intervention in Libya

As we approach the end of the war depart Libyan questions about the real respect for the UN resolution, the Libyan intervention, which involved only the use of force only for the protection of civilians. In fact it did not happen, the increasing use of air power was supplemented by supplies of weapons and equipment teconologici, education, and finally the insurgents use of foreign troops on the ground in Libya. The support, so it was almost complete, with a considerable logistical effort, including economic. The certainty is that legal protection, in terms of international law, provided that the UN resolution, has been violated and that the same resolution was used as a cover to overthrow the regime of Gaddafi. You do not want there to judge whether the end of the Nasser government, unjust and bloody, was right or not, but make considerations on the use of the UN resolution that led to the annihilation. The major players were France, United Kingdom and in a more secluded but no less active, the United States. The more restrictive interpretation of the resolution gave the armed forces, whose intended use was about the only Air Force official, the task of protecting the civilian population in a kind of neutrality between the two contenders. Not so, as demonstrated by recent events, even if they wanted to extend the interpretation of the resolution in the broadest terms, the armed intervention of the Willing has turned now into an alliance with the rebels. Once again reiterates that Qadhafi’s fall is a good thing, however, France, Great Britain, USA and other states that have taken part in the framework of international law have made a violation, which would have been if they had said that War formally to the regime in Tripoli. Politically it will be objected that there was no need to go too fussy, but the violation of the UN resolution, the first thing is heavy before, because it does not seem likely the hypothesis of some punishment, even in the form of warning, and Second undermines the very authority of the United Nations. Now this is further proof of the need for structural reform of the UN, providing for a system of checks and balances and including, above all the creation of tools to ensure their effective autonomy. Only in this way the UN can finally rise to the role for which they were born. From the political point of view this issue will certainly matters, especially among the members of the Security Council, where China and Russia abstaining, obtained in an unconvinced, has allowed the resolution on the intervention in Libya. The question of legitimacy, not of expediency, on which there was agreement, however, can not but be raised and will be interesting to see how it will be resolved. Fortunately it will be impossible for Gaddafi back in its place, but in theory, international law could protect the dictator. This legal gap is attributable to the coalition of the willing, which is hidden behind the resolution determining the victory of the opposing party to Colonel in an opaque manner. The failure to explicitly declare their intent has clarified in a more clear intention: the fall of Gaddafi. But he also highlighted the weakness of the apparatus of international law and especially international organizations.

La dubbia leggitimità dell’uso della delibera ONU sull’intervento in Libia

Con l’approssimarsi della fine della guerra libica partono le domande sul reale rispetto delle risoluzione ONU, sull’intervento libico, che prevedeva solamente l’uso della forza per la sola difesa dei civili. In effetti non è andata così, l’uso sempre maggiore della forza aerea è stato integrato dai rifornimenti di armi ed apparati teconologici, istruzione degli insorti ed infine impiego di truppe straniere sul terreno libico. L’appoggio, quindi è stato pressochè totale, con uno sforzo logistico non indifferente anche sul piano economico. La certezza è che la protezione legale, sul piano del diritto internazionale, che forniva la risoluzione ONU, sia stata violata e che la stessa risoluzione sia stata usata come copertura per rovesciare il regime di Gheddafi. Non si vuole qui giudicare se la fine del governo del rais, ingiusto e sanguinario, sia stata giusta o meno, ma fare delle considerazioni sull’uso della risoluzione ONU che ne ha consentito l’annientamento. Gli attori principali sono stati Francia, Regno Unito ed in maniera più defilata ma non meno attiva, gli Stati Uniti. L’interpretazione più restrittiva della risoluzione dava alle forze armate, il cui impiego previsto riguardava ufficialmente la sola forza aerea, il compito di proteggere la popolazione civile in una sorta di neutralità tra i due contendenti. Non è stato così, come dimostrato dagli ultimi avvenimenti, anche volendo estendere l’interpretazione della risoluzione a termini più ampi, l’intervento armato dei volenterosi si è trasformato da subito in una alleanza con i rivoltosi. Ancora una volta si ripete che la caduta di Gheddafi rappresenta un fatto positivo, tuttavia Francia, Gran Bretagna, USA e gli altri stati che hanno partecipato alle azioni, nel quadro del diritto internazionale hanno compiuto una violazione, che non sarebbe stata tale se avessero dichiarato guerra formalmente al regime di Tripoli. Politicamente si obietterà che non era il caso di andare tanto per il sottile, ma la violazione della risoluzione ONU, per prima cosa rappresenta un pesante precedente, perchè non pare verosimile l’ipotesi di una qualche sanzione, anche solo in forma di ammonimento, ed in secondo luogo inficia l’autorità stessa delle Nazioni Unite. Ora questa è l’ennesima prova della necessità di una riforma strutturale dell’ONU, che preveda un sistema di pesi e contrappesi e che preveda, sopratutto la creazione di strumenti atti a garantirne l’effettiva autonomia. Solo in questi termini le Nazioni Unite possono finalmente assurgere al ruolo per cui sono nate. Dal punto di vista politico questa questione porrà senz’altro delle questioni, in special modo tra i componenti del Consiglio di sicurezza, dove l’astensione di Cina e Russia, ottenuta in maniera poco convinta, ha permesso la delibera sull’intervento in Libia. La questione di legittimità, non di opportunità, sulla quale non vi era comunque accordo, non potrà non essere sollevata e sarà interessante vedere come sarà risolta. Fortunatamente sarà impossibile per Gheddafi tornare al suo posto, ma in teoria, il diritto internazionale potrebbe tutelare il dittatore. Questo buco legale è da imputare alla coalizione dei volenterosi, che si è nascosta dietro alla risoluzione determinando la vittoria della parte avversa al colonnello in maniera non chiara. Il fatto di non dichiarare esplicitamente il proprio intento ne ha chiarito in modo ancora più limpido l’intenzione: la caduta di Gheddafi. Ma ha anche messo in risalto la debolezza dell’apparato del diritto internazionale ed in special modo delle organizzazioni internazionali.